Taekwondo, Europei e Preolimpico a Sofia: la regole per viaggiare verso la Bulgaria partendo dall’Italia

In questo momento l’aspetto sportivo vale tanto quanto quello logistico-sanitario. L’andamento epidemiologico conta e non poco nell’organizzazione e nella ricettività degli eventi che il mondo del taekwondo sta provando a organizzare per ripartire.

Nei prossimi mesi, Sofia – la capitale della Bulgaria – dovrebbe diventare l’epicentro europeo del taekwondo continentale, tanto da mettere in palio sia i titoli nei Campionati Europei di metà aprile sia i pass per il Torneo Continentale di Qualificazione Olimpica verso i Giochi di Tokyo, nel fine settimana che va dal 7 al 9 maggio.

Ma quali sono le regole attuali di viaggio dall’Italia verso la Bulgaria? A tal proposito la FITA (Federazione Italiana Taekwondo) ha pubblicato sui propri canali social un vademecum con cui parametrarsi. Eccolo di seguito: 

Considerato l’aggravarsi della situazione epidemiologica in Europa, la Farnesina raccomanda a tutti i connazionali di evitare viaggi all’estero se non per ragioni strettamente necessarie.

Per l’ingresso in Italia dalla Bulgaria è necessario presentare l’attestazione di test molecolare o antigenico negativo effettuato nelle 48 ore precedenti l’ingresso in Italia. In assenza di test vige l’obbligo di isolamento domiciliare di 14 giorni.

Per l’ingresso in Bulgaria dall’Italia è necessario presentare l’attestazione di test molecolare negativo effettuato nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Bulgaria.

In caso di assenza dell’attestazione, il viaggiatore potrà interrompere l’isolamento sanitario sostenendo il test a sue spese presso i laboratori riconosciuti nella Repubblica di Bulgaria entro 24 ore dall’ingresso nel Paese e riportando la negatività al virus.

L’attuale normativa bulgara è in vigore fino al 30 aprile 2021.

Ciò vuol dire che, al momento, sono state dettate le linee guida per gli Europei; mentre si attende di conoscere i dettagli di accesso alla Bulgaria, e a Sofia in particolare, per il Torneo Continentale di Qualificazione Olimpica.

Foto: FITA

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Taekwondo: modificate le date dei Mondiali 2021, si prova a ripartire

Rugby, Marco Zanon lascia il ritiro dell’Italia dopo l’infortunio di sabato. Recuperato Mattia Bellini