Sci alpino, Mondiali: le pagelle di oggi. Norvegia e Svezia stupiscono, deludono Svizzera e Austria, l’Italia non brilla

Dopo i paralleli di ieri, oggi i Campionati Mondiali di sci alpino di Cortina 2021 hanno proposto il Team Event. La gara a squadre, sempre in parallelo, non ha regalato lo spettacolo che ci si poteva aspettare, ma ha comunque proposto spunti e prestazioni interessanti. Andiamo, quindi, a consegnare le pagelle del Team Event. 

LE PAGELLE DEL TEAM EVENT DI CORTINA 2021

ITALIA 5.5: fa il minimo sindacale, ovvero superare la Finlandia nel primo turno, ma chiude sul 2-2 e vince solo per differenza tempi. Contro la Germania arriva un ko per 3-1 che, senza il mezzo miracolo di Nadia Delago appena subentrata, sarebbe stato un 4-0 quasi scontato.

LARA DELLA MEA S.V.: sfortunatissima. Esce di scena a metà manche contro la Finlandia con una caduta rovinosa che la mette fuori causa. Speriamo che l’infortunio non sia troppo grave, ma le urla di dolore non lasciano certo ben sperare…

NADIA DELAGO 6.5: subentra all’ultimo secondo dopo il ko di Lara Della Mea e riesce anche a superare Emma Aicher. Lei fa tutto quello che poteva fare, peccato che la Germania fosse troppo forte per i nostri.

LAURA PIROVANO 6: ha il merito di vincere la (non impossibile) sfida contro la Finlandia, lasciando i giochi aperti. Contro la Germania lotta ma non riesce nell’impresa.

GIOVANNI BORSOTTI 5: perde entrambe le sue manche, sia contro la Finlandia, sia contro la Germania. L’anello debole della squadra italiana.

LUCA DE ALIPRANDINI 6: ci regala la qualificazione con la vittoria nella quarta manche contro la Finlandia, mentre contro la Germania nulla può. Peccato.

AUSTRIA 5: dall’argento di Are 2019 alla eliminazione ai quarti contro la Svezia, dopo aver superato il modesto Belgio nel primo turno. Davvero troppo poco per il quartetto composto da Fabio Gstrein, Katharina Liensberger, Stephanie Brunner e Adrian Pertl.

SVIZZERA 5.5: manca il bis dopo Are 2019 e si fa eliminare in semifinale dalla Norvegia. Wendy Holdener vince facile la sua manche, quindi Sandro Simonet e Camille Rast sprecano tutto. Semyel Bissig piazza un tempo eccezionale nel quarto round, ma per soli 2 centesimi non riesce a completare la rimonta. Nella finale per il bronzo cede alla Germania e chiude una brutta giornata.

GERMANIA 6.5: si ferma in semifinale contro la Svezia che, sulla carta, poteva essere alla portata. Stefan Luitz e Andrea Filser ci provano, ma Alexander Schmid e Emma Aicher non fanno il resto. Si riscattano nella Small Final piegano la Svizzera.

SVEZIA 8: conquista la medaglia d’argento e non era certo semplice da prevedere. Sconfiggono la Germania in semifinale, quindi tengono testa alla Norvegia. Estelle Alphand, Kristoffer Jakobsen, Sara Hector e Mattias Roenngren sono la sorpresa di giornata!

NORVEGIA 9: vince la medaglia d’oro non senza sorpresa. Thea Louise Stjernesund, Sebastian Foss-Solevaag, Kristina Riis-Johannessen e Fabian Wilkens Solheim passano un round dietro l’altro con merito fino allo splendido 3-1 nella Big Final contro la Svezia. Ottima gestione e carattere per gli scandinavi.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Australian Open 2021: Novak Djokovic e Aslan Karatsev, voglia di nona contro effetto sorpresa

Ciclismo, Wout van Aert dovrà perdere 2 chili in cinque settimane per ottenere la piena forma fisica