Pattinaggio artistico: Gabriele Frangipani si piazza al quarto posto alla Challenge Cup 2021. Trionfa Kolyada

Si spengono i riflettori alla De Uithof de L’Aia (Olanda), impianto sportivo che ha ospitato questo fine settimana la Challenge Cup 2021, una delle pochissime competizioni internazionali della stagione di pattinaggio artistico che non è stata cancellata a causa dell’emergenza sanitaria.

Nella specialità individuale maschile un paio di sbavature nel secondo segmento di gara hanno condannato Gabriele Frangipani al quarto posto. L’atleta allenato da Lorenzo Magri, secondo dopo lo short, ha infatti pagato dazio nel quadruplo toeloop e nel triplo axel, entrambi eseguiti con caduta, e nella combinazione triplo flip/euler/triplo salchow, viziato dalla chiamata di degradato proprio nel piccolo salto di connessione; malgrado le imprecisioni però il pattinatore stanziato a Egna ha comunque ben ruotato sia il triplo axel combinato con il doppio toeloop che due tripli lutz, uno agganciato al triplo toeloop, realizzando senza patemi poi il triplo rittberger e le tre trottole, chiamate di livello quattro come la sequenza di passi, ottenendo 148.07 (74.93, 75.14) per 229.11.

Ad approfittare dei passaggi a vuoto dell’azzurro ci ha pensato la compagine francese: Romain Ponsart ha infatti occupato il posto d’onore grazie a una performance ornata da un quadruplo toeloop e due tripli axel valutata 163.72 (86.90, 76.82) per 244.75; Adam Siao Him Fa ha invece conquistato il gradino più basso del podio proponendo un layout di alto livello composto da tre quadrupli, due toeloop (il primo arrivato sul ghiaccio, il secondo in combinazione con il doppio toeloop) e un salchow, oltre che da un triplo axel e due tripli lutz, elementi che hanno portato il suo punteggio a quota 161.62 (83.94, 78.68) per 241.11.

Tutto facile per il grande favorito Mikhail Kolyada, il quale ha dominato senza patemi rendendosi artefice di una prova ornata da due quadrupli toeloop di cui uno in catena con il triplo toeloop e un triplo axel. Malgrado una caduta sul secondo axel in zona bonus andato in ripetizione l’allievo di Alexei Mishin ha quindi raccolto 185.18 (95.02, 91.16) per 270.17.

Nelle coppie trionfo per Evgenia Tarasova-Vladimir Morozov che, malgrado due errori di peso nel triplo salchow lanciato e nella combinazione di salti in parallelo, hanno preso il largo guadagnando 138.21 (66.94, 72.27) per 217.85, superando ampiamente i tedeschi Annika Hocke-Robert Kunkel, secondi con 116.48 (57.54, 58.94) per 177.23, e gli ungheresi Ioulia Chtchetinina-Màrk Magyar, terzi con 110.90 (56.10, 54.80) per 169.21. Sara Conti e Niccolò Macii, dopo la davvero bruttissima caduta di ieri che ha causato qualche problema fisico alla dama, hanno saggiamente deciso di non prendere parte al programma libero.

CLASSIFICA FINALE INDIVIDUALE MASCHILE

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Mikhall KOLYADA RUS 270.17 1 1
2 Romain PONSART FRA 244.75 3 2
3 Adam SIAO HIM FA FRA 241.11 4 3
4 Gabriele FRANGIPANI ITA 229.11 2 4
5 Basar OKTAR TUR 217.05 8 5
6 Burak DEMIRBOGA TUR 216.62 5 6
7 Morisi KVITELASHVILI GEO 205.12 6 7
8 Tomas Llorenc GUARINO ESP 192.70 7 10
9 Donovan CARRILLO SUAZO MEX 190.60 11 8
10 András CSERNOCH HUN 184.43 13 9
11 Luc MAIERHOFER AUT 182.10 10 12
12 Jari KESSLER CRO 179.07 12 13
13 Kornel WITKOWSKI POL 175.18 15 11
14 Georgii RESHTENKO CZE 174.35 9 15
15 Arnau JOLY ESP 167.70 17 14
16 Aleix GABARA ESP 160.60 16 16
17 Mate BOROCZ HUN 153.99 14 17

CLASSIFICA FINALE COPPIE D’ARTISTICO

FPl. Name Nation Points SP FS
1 Evgenya TARASOVA / Vladimir MOROZOV RUS 217.85 1 1
2 Annika HOCKE / Robert KUNKEL GER 177.23 2 2
3 Iouila CHTCHETININA / Márk MAGYAR HUN 169.21 3 3
4 Elizavets ZHUK / Martin BIDAR CZE 163.11 5 4
5 Coline KERIVEN / Noel Antoine PIERRE FRA 155.45 4 5
6 Nika OSIPOVA / Dmitry EPSTEIN NED 140.02 6 7
7 Daria DANILOVA / Michel TSIBA NED 137.10 8 6
8 Greta CRAFOORD / John CRAFOORD SWE 127.69 10 8
9 Dorota BRODA / Pedro BETEGON ESP 125.78 9 10
10 Alexandra HERBRIKOVÁ / Nicolas ROULET SUI 113.34 11 9

 

Foto: Valerio Origo (LPS)

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, frattura di tibia e perone per Kajsa Vickhoff Lie. Stessa diagnosi per Schneeberger

Salto con gli sci, la Germania fa l’impresa e vince la prova a squadre mista ai Mondiali. Norvegia battuta, Austria terza