NASCAR, delle gare di qualifica stabiliranno la griglia nella prova sterrata di Bristol

Si avvicina uno degli eventi più attesi del calendario 2021 della NASCAR Cup Series, la gara sterrata al Bristol Motor Speedway. All’interno del mitico short-track che sorge nello Stato del Tennessee, manca sempre meno per la prima delle due sfide che annualmente si tengono nel ‘Colosseo’ della NASCAR. Ricordiamo infatti che, nell’impianto che nel 2021 celebra il suo 60° anniversario, si svolge regolarmente una manifestazione anche in notturna, valida dalla passata stagione per i ‘Playoffs’. La particolarità dell’evento, il primo dal 1970 ad oggi, ha portato gli organizzatori ad annunciare alcune importanti modifiche sul format del fine settimana.

Sono state definite quattro gare di qualifica il giorno prima della corsa determineranno la griglia di partenza di quello che sarà il settimo atto della serie nel fine settimana del 28 marzo. Ricordiamo che l’appuntamento di Bristol è uno dei pochi vista l’unicità prevede le sessioni di prove libere o delle qualifiche, abolite in seguito all’emergenza sanitaria in gran parte degli eventi. La Daytona 500 (Florida), la Coca-Cola 600 (North Carolina/Charlotte) e la finale di Phoenix (Arizona) sono altri delle piste in cui è prevista una qualifica insieme alle nuove location come Circuit of the Americas (Texas), Nashville (Tennessee), Road America (Wisconsin) ed Indianapolis road course (Indiana).

Jerry Caldwell, vicepresidente esecutivo e direttore generale del Bristol Motor Speedway, ha dichiarato ai microfoni della serie in merito  a questa novità: “Il Bush’s Beans Practice Day di venerdì consentirà ai piloti ai della Cup Series che della Camping World Truck Series di prendere confidenza con questa pista. Delle gare di partenza stabiliranno le griglie di partenza della prima sfida sulla terra di questo impianto. Metteremo a disposizione un numero limitato di posti in tribuna”.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

24 Ore Le Mans, la Ferrari parteciperà nella categoria principale con le hypercar dal 2023!

F1, l’Africa si prepara ad entrare nel calendario