Golf, Collin Morikawa vola al comando del WGC- Workday Championship at The Concession ad un round dal termine

Termina seguendo la regolare tabella di marcia anche il terzo e penultimo round del primo WGC stagionale. Il Workday Championship at The Concession (montepremi 10,5 milioni di dollari) vede al comando un nuovo leader che vola in vetta con lo score complessivo di -15 (201 colpi). Si tratta dello statunitense Collin Morikawa, che grazie all’ottimo -5 di giornata si prende il tetto della leaderboard con 2 colpi di margine sui connazionali Billy Horschel e Brooks Koepka (leader al termine della seconda tornata). Vantaggio di ben altra portata fino ai bogey che hanno caratterizzato la parte finale del giro di Morikawa, incappato in due +1 alla buca 13 ed alla 17.

Sul percorso par 72 del The Concession Golf Club di Bradenton (Florida, Stati Uniti) al quarto posto con -12 troviamo l’americano Webb Simpson, che precede di una lunghezza un temibile duo composto da Patrick Reed e dal nordirlandese Rory McIlroy. Quest’ultimo, con un round da -6, risale ben 8 posizioni inserendosi nella lotta al titolo che prenderà il via nella domenica pomeriggio italiana.

Chiudono la top ten con lo score di -10 il giapponese Hideki Matsuyama, l’inglese Matthew Fitzpatrick, lo statunitense Scottie Scheffler, ed il norvegese Victor Hovland. Il giovane scandinavo, grazie ad un round da -6, recupera 10 posizioni mostrandosi tra i più in palla della giornata. -2 odierno e -7 complessivo per Justin Thomas. L’americano scivola in 16esima posizione e, salvo miracoli, non sarà della partita per il titolo finale. Perdono quota anche Bryson DeChambeau (28° con -3) ed il cileno Joaquin Niemann (35° con -2). Nulla da fare infine per l’attuale numero uno del mondo Dustin Johnson, 42° a -1 nonostante un sussulto d’orgoglio che gli frutta il -3 odierno, e per lo spagnolo Jon Rahm, relegato in 45esima piazza alla pari con il par.

Domenica spazio all’ultimo e decisivo round con almeno dieci golfisti in lotta per la vittoria finale.

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tokyo 2021, nessuna quarantena per gli atleti in Giappone? Si pensa di limitare gli spostamenti

NASCAR Xfinity Series, Myatt Snider svetta a Miami