Biathlon, Tiril Eckhoff ancora regina nell’inseguimento dei Mondiali di Pokljuka 2021. Strepitoso 4° posto per Wierer

L’inseguimento femminile dei Mondiali di biathlon 2021 a Pokljuka sorridono ancora alla norvegese Tiril Eckhoff, capace di bissare il successo di ieri e laurearsi campionessa del mondo per la terza volta in carriera. Una prova condotta dall’inizio alla fine sostanzialmente in testa nonostante i due errori al tiro, dove l’unica avversaria capace di starle vicino è stata la francese Anais Chevalier-Bouchet, la quale ha però mancato un bersaglio di troppo nella serie finale e si è dovuta accontentare del bronzo, terminando a 33″ dalla testa e dietro anche a Lisa Hauser.

L’austriaca, complice il 19/20 al tiro e un passo sugli sci da vera prima della classe, ha rimontato e chiuso a 17″, regalando all’Austria la seconda medaglia iridata e in campo femminile e la prima dal 1984. All’ultimo poligono Hauser si trovava in compagnia della nostra Dorothea Wierer, autrice di una prova oggi davvero perfetta con lo shootout e un ottimo passo sugli sci. Purtroppo, però, nell’ultimo giro l’altoatesina è stata meno incisiva e si è dovuta arrendere al quarto posto finale, terminando a 45″ da Eckhoff ma resistendo all’assalto di Franziska Preuss (2) che ha chiuso 4″ dietro a lei.

Sesta e settima posizione per altre due sorprese di giornata, Vanessa Hinz e Olena Pidhrushna, entrambe con lo zero e davanti alle ben più quotate Denise Herrmann e Marte Roeiseland, che erano arrivate al quarto poligono in zona medaglia ma hanno entrambe sbagliato due volte, sprofondando fino all’ottava e nona posizione finale a 1’16” e 1’26” dalla testa.

Per quanto riguarda le altre italiane discreta prova di Michela Carrara che termina per la seconda giornata di fila a punti, 38esima con 5 errori sulle spalle e 3’36” di ritardo. Disastro assoluto invece per Lisa Vittozzi che ha ancora una volta iniziato drammaticamente la prova con 4 errori e sparato oggi col 50% finale, chiudendo 48esima a 4’40”. Ancora più indietro Irene Lardschneider, 51esima nonostante i soli tre errori con una prova molto deludente nel fondo.

La cronaca

Distacchi invariati nella prima tornata con Chevalier che rosicchia qualcosa sulla testa della gara portandosi dietro anche Sola ma poi riperde nella seconda parte, Herrmann resta a una decina di secondi da questa coppia e anche Vittozzi sembra aver iniziato col piglio giusto e non viene ripresa da Roeiseland. Wierer resta a 1’20 dalla testa. Eckhoff apre male e lavora con le tacche, venendo scavalcata da una perfetta Chevalier. Sola due errori si chiama subito fuori, sbaglia anche Herrmann e viene ripresa da Preuss mentre pulite Roeiseland e Oeberg che si trovano in zona medaglia insieme a 35″ dalla francese. Vittozzi incredibilmente salta ancora per aria in una prima serie con 4 errori mentre positiva la prima serie di Dorothea che scala fino alla 13esima posizione con lo zero. Bene anche Irene mentre Carrara paga un errore.

Eckhoff guadagna sulla testa e si porta a 14″, mentre Roeiseland lascia sul posto Oeberg la svedese e prova a cacciare la connazionale. Wierer molto positiva continua a guadagnare e si avvicina al minuto di ritardo, portandosi a ridosso della top-10 con Lardschneider e Carrara ancora in zona 20esima posizione. Sbaglia sull’ultimo bersaglio Chevalier che restituisce la leadership a Eckhoff, bene anche Roeiseland e Preuss che escono a pochi secondi da Chevalier. Sbaglia Hanna Oeberg che viene scavalcata anche da Hauser in rimonta, molto bene ancora Dorothea che resta pulita ed esce nona a 57″ dalla testa, a meno di 30″ da una clamorosa medaglia. Carrara con l’8/10 è 27esima, mentre sbagliano due volte sia Lardschneider che ancora Vittozzi.

Roeiseland si mette a caccia di Chevalier e la va a riprendere, con una ventina di secondi da Eckhoff. Preuss resta così da sola una decina di secondi più dietro e altrettanti di margine su Herrmann che ha staccato il gruppetto di Hauser e Oeberg al quale si accoda anche una super Wierer che resta sotto il minuto. La prima delle serie in piedi vede il 4/5 di Eckhoff, da dietro Chevalier è pulita e le due di testa si ritrovano insieme. Un errore per Roeiseland, due per Preuss mentre bene Herrmann si prende la terza posizione virtuale a 21″ dalla testa con un altro zero. Terzo zero di Wierer che continua a impressionare ed è quinta a 42″ dalla medaglia d’oro, poco più di 20″ da quella di bronzo occupata però da un tandem temibile come Roeiseland e Herrmann. Due errori per Carrara che si allontana dalle posizioni che contano.

Eckhoff prova a spingere e mettere alle corde Chevalier, che però riesce a rimanere aggrappata a fatica. Herrmann non si fa riprendere da Roeiseland e accorcia, poi Hauser, Tandrevold e Wierer continuano a tenere insieme un gran passo. Nell’ultima fase del giro il distacco tra le prime due avviene e anche Herrmann perde dalla norvegese, con Roeiseland che si assesta a 6″ dalla tedesca e dal bronzo. Wierer resta sui 20″ di ritardo dall’ex fondista prima dell’ultima serie. Con calma e sangue freddo Eckhoff vince ancora e trova il back to back iridato. Sbaglia Chevalier, due Roeiseland e Herrmann e l’occasione la prendono al volo Hauser e Wierer che col cuore si portano terza e quarta, anche se l’austriaca mantiene 5″ di margine.

Hauser va addirittura a riprendere Chevalier nella fase iniziale del giro mentre Wierer fa più fatica e potrebbe arrivare dunque un insperato quanto un filo beffardo quarto posto per l’Italia. Eckhoff in passerella mentre Hauser stacca Chevalier che fa una gran fatica e perde anche qualcosa da Dorothea. Le posizioni del podio restano congelate e anzi è Preuss ad avvicinarsi molto a Wierer in questi ultimi metri, ma l’azzurra si difende tra gli applausi.

Foto: La Presse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Pattinaggio artistico: Matteo Rizzo vince e convince alle Finali del Gran Premio Italia, secondo un eroico Daniel Grassl

LIVE Biathlon, Inseguimento donne Mondiali in DIRETTA. Eckhoff: doppio oro, Wierer non sbaglia ma è quarta, crolla Vittozzi