Biathlon, Sturla Holm Lægreid oro mondiale nella mass start a Pokljuka, 7° Lukas Hofer con tanto rammarico

Cala il sipario su questa edizione 2021 dei Mondiali di biathlon. Sulle nevi di Pokljuka (Slovenia) la mass start maschile è valsa la chiosa e per il norvegese Sturla Holm Lægreid è stata motivo di grande soddisfazione visto il secondo oro personale in questa rassegna (senza contare i due nelle prove a squadre), dopo quello della 20 km individuale.

Nella gara con partenza in linea, infatti, lo scandinavo è riuscito a condensare la grande la velocità sugli sci stretti (quinto tempo nella particolare graduatoria) e quella al poligono (terzo nello shooting time), abbinata alla precisione nelle serie di tiro con un solo bersaglio mancato nell’ultima serie. Aspetti che hanno permesso dunque a Lægreid di trionfare con 10″2 di margine sul connazionale Johannes Dale, gravato di due errori, e 12″8 sul francese Quentin Fillon Maillet (2 bersagli non centrati).

A seguire troviamo l’austriaco Simon Eder (0+0+0+1) a 23″1, il padrone di casa Jakov Fak (0+0+0+1) a 30″0, il norvegese Tarjei Boe (0+1+0+1) a 33″3 e l’azzurro Lukas Hofer (0+1+0+1) a 39″7. Letale per l’obiettivo “top-3” l’errore nell’ultimo poligono per l’altoatesino che, ancora una volta sul più bello, non ha trovato quello che tanto cercava. A completare la classifica dei migliori dieci ci sono il leader della classifica generale Johannes Boe a 45″4, che ha pagato dazio per tanta imprecisione nelle serie di tiro (2+0+2+1) a 45″4, a precedere il russo Aleksandr Loginov (0+1+0+1) a 50″0 e lo svedese Sebastian Samuelsson (0+0+2+1) a 59″7. Per quanto riguarda Thomas Bormolini, il livignasco si è classificato 24° (1+0+1+0) a 3’03″5 dalla vetta.

Con questi risultato Boe dovrà guardarsi proprio da Lægreid in ottica classifica generale di Coppa fin dal prossimo appuntamento a Nove Mesto, in Repubblica Ceca. Si chiude così il Mondiale con la Norvegia capace di conquistare 14 medaglie totali (la metà d’oro, 7-3-4), davanti alla Francia (2-2-3) e alla Svezia (1-3-2). Una rassegna iridata deludente per l’Italia he dopo anni non entra nel medagliere.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Atletica, Gianmarco Tamberi vola in cielo! Fiondata ad Ancona, salto da 2.35! Migliore del mondo nel 2021

Sci alpino, Mondiali: le pagelle di oggi. Foss-Solevaag è impeccabile, Pertl sorprende, Kristoffersen e Vinatzer risorgono