Basket: Belinelli-Adams e la Virtus Bologna va. Brindisi rischia, ma batte Trieste. Tre seconde dopo gli anticipi della 20a di Serie A

Sia la Virtus Bologna che Brindisi raggiungono Sassari al secondo posto in classifica dopo gli anticipi della 20a giornata di Serie A, di nuovo in scena dopo la pausa prima per la Coppa Italia e poi per la finestra della Nazionale. Per bianconeri e biancoblu, infatti, i test biancorossi (Varese in un caso, Trieste nell’altro) sono vincenti.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA-OPENJOBMETIS VARESE 85-76 (19-21, 39-29, 68-48)
Successo netto delle V nere contro l’ultima in classifica, che rimane tale al termine della serata alla Segafredo Arena. Eppure l’inizio di Varese è buono, con Strautins e Scola che segnano da tre ed Egbunu che inchioda una gran schiacciata. Il funzionamento dell’Openjobmetis da tre è buono fino a quando finisce il primo quarto, con protagonisti anche Beane e Ferrero, ma dopo il ritorno sul parquet si completa un parziale di 12-0 iniziato nel finale di periodo d’apertura. Protagonista è Adams, che diventa una spina nel fianco per tutti, con tanto di volo sopra il ferro ed Egbunu contemporaneamente. Il centro varesino è quello che più prova a tenere attaccati i suoi, con il tabellone che recita 39-29 all’intervallo.

Il colpo di grazia lo affonda Marco Belinelli: nullo per tutta la prima metà di gara, è inarrestabile nei terzi dieci minuti, in cui realizza tutti i primi 7 punti bianconeri e arriva poi a quei 13 che caratterizzeranno il suo tabellino finale. Lo sfogo cestistico dell’ex campione NBA è parte fondamentale di quello che diventa il 68-48 di fine terzo quarto. L’ultimo vede Varese avere una certa dose di orgoglio, ma non basta contro una Virtus che può fare affidamento su protagonisti diversi: Teodosic con un paio di magie, Adams con una serata delle sue, Weems che risponde quando chiamato. L’Openjobmetis rosicchia, soprattutto con Douglas, qualche punto nel finale (con rabbia di Bjedov, che sostituisce Djordjevic per malessere di quest’ultimo): finisce 85-76.
TOP SCORER
BOLOGNA – Adams 21, Weems 14, Belinelli 13
VARESE – Douglas 19, Egbunu 13, Scola 12

HAPPY CASA BRINDISI-ALLIANZ TRIESTE 81-74 (27-13, 44-31, 63-55)
La Stella del Sud resta in sella nelle parti alte della classifica, grazie a una vittoria sudata nel finale, ma comunque meritata. Dopo un inizio di gara tutto sommato equilibrato, l’allungo è di Brindisi, che sfrutta serie difficoltà realizzative dei giuliani per dare il via libera a Willis e, dal 13-10, piazzare un parziale di 14-3 che si chiude con la tripla di Bostic a fine primo quarto. Peric e Upson cercano di dar fiducia a Trieste, ma dall’altra parte c’è Visconti in buona serata che respinge gli assalti. L’Happy Casa controlla gli uomini di Dalmasson, che tentano di risalire ora con Laquintana, ora con Cavaliero, ora con Fernandez. Tanto per cambiare, Willis realizza da tre il canestro che manda le due squadre all’intervallo sul 44-31.

Gaspardo, al ritorno sul parquet, cerca di mettere in sicurezza il vantaggio di Brindisi, portandolo a 15 punti. Il trio Henry-Peric-Doyle, però, a mollare non ci pensa, dando una mano significativa a tenere il distacco entro limiti accettabili, intorno alle dieci lunghezze. A procurare un maggior riavvicinamento, sul -8, è la tripla di Laquintana, nelle vicinanze della penultima sirena. Gli uomini di Vitucci, pur rimanendo avanti, non riescono più a staccare gli ospiti nella stessa maniera in cui lo avevano fatto nei primi tre quarti: l’Allianz è più convinta, regge l’impatto degli americani di casa e, dal 75-66, si fa trascinare da Doyle. Un gioco da tre punti, tre tiri liberi ed è 75-72. Arrivano anche due chance per il pareggio, ma una la spreca Cavaliero dall’arco, l’altra è proprio Doyle a mangiarsela facendosi soffiare il pallone da Thompson, cui regala due liberi; i successivi di Zanelli (e l’antisportivo di Henry su Gaspardo) suonano come la chiusura della partita, che termina sull’81-74.
TOP SCORER
BRINDISI – Willis 15, Thompson, Perkins e Visconti 14
TRIESTE – Doyle 19, Delia, Henry e Laquintana 11

Credit: Ciamillo

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volley, play-off Superlega. Modena espugna Ravenna e si prende la sfida con Civitanova nei quarti

VIDEO Verona-Juventus 1-1: highlights e sintesi. Cristiano Ronaldo non basta, pari al Bentegodi