Volley, SuperLega: Civitanova suda e batte Monza, -3 dalla capolista Perugia. Tutto aperto. Milano schiaccia Modena 3-2

Oggi sono andate in scena due recuperi della 15ma giornata di SuperLega, il massimo campionato italiano di volley maschile. Si tratta di incontri che non si erano potuti disputare a loro tempo a causa di troppe positività al Covid-19 all’interno dei vari gruppi squadra.

Civitanova ha sconfitto Monza per 3-1 (25-20; 25-19; 22-25; 25-23) al termine di una contesa combattutissima. Alla Lube sono serviti 110 minuti di gioco per regolare i brianzoli, in quest’annata già capaci di mettere in ginocchio alcune big e di farne tremare altre. I cucinieri raccolgono comunque un successo pesantissimo tra le mura amiche dell’Eurosuole Forum e tengono aperto il discorso per il primo posto in classifica: Perugia è lontana tre punti, mancano ancora tre giornate al termine della regular season e c’è ancora lo scontro diretto da disputare.

A giganteggiare sono stati l’opposto Kamil Rychlicki (17 punti) e lo schiacciatore Osmany Juantorena (14), doppia cifra anche per il centrale Simon Robertlandy (12 punti, 5 muri) e del martello Yoandy Leal (11). Agli ospiti, quinti in graduatoria a -4 dalla quarta piazza di Vibo Valentia (con una partita giocata in meno rispetto ai calabresi), non sono bastati gli attaccanti Adis Lagumdzija (18 punti, 3 aces), Donovan Dzavoronok (10) e Filippo Lanza (9).

Milano batte Modena per 3-2 (20-25; 30-28; 25-18; 21-25; 20-18) e conquista la sua prima vittoria nel nuovo anno solare. I meneghini, sotto 1-0 e poi avanti 2-1, si impongono al tie-break e conquistano un successo importante per rompere una striscia di risultati negativi che durava da prima di Natale. Gli uomini di Roberto Piazza salgono così all’ottavo posto, mentre i Canarini restano in settima posizione a -2 da Monza (ma con una partita giocata in più) e a +5 su Milano (che ha disputato un incontro in meno). I padroni di casa vanno in doppia cifrra con ben cinque uomini: Jan Kozamernik (16 punti, 5 muri), Luka Basic (15), Matteo Piano (15, 6 stampatone), Yuki Ishikawa (13) e Jean Patry (13). Agli emiliani non sono bastati gli scatenati Daniele Lavia (25 punti) e Luca Vettori (23).

Foto LM-LPS/Roberto Bartomeoli

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Carlos Sainz: “Amo correre in condizioni di asfalto complicate. Non vedo l’ora di guidare la Ferrari”

Pallanuoto femminile, Arno Havenga (CT Paesi Bassi): “Abbiamo conservato le energie per le prossime partite”