Volley, SuperLega: Civitanova suda e batte Monza, -3 dalla capolista Perugia. Tutto aperto. Milano schiaccia Modena 3-2

Oggi sono andate in scena due recuperi della 15ma giornata di SuperLega, il massimo campionato italiano di volley maschile. Si tratta di incontri che non si erano potuti disputare a loro tempo a causa di troppe positività al Covid-19 all’interno dei vari gruppi squadra.

Civitanova ha sconfitto Monza per 3-1 (25-20; 25-19; 22-25; 25-23) al termine di una contesa combattutissima. Alla Lube sono serviti 110 minuti di gioco per regolare i brianzoli, in quest’annata già capaci di mettere in ginocchio alcune big e di farne tremare altre. I cucinieri raccolgono comunque un successo pesantissimo tra le mura amiche dell’Eurosuole Forum e tengono aperto il discorso per il primo posto in classifica: Perugia è lontana tre punti, mancano ancora tre giornate al termine della regular season e c’è ancora lo scontro diretto da disputare.

A giganteggiare sono stati l’opposto Kamil Rychlicki (17 punti) e lo schiacciatore Osmany Juantorena (14), doppia cifra anche per il centrale Simon Robertlandy (12 punti, 5 muri) e del martello Yoandy Leal (11). Agli ospiti, quinti in graduatoria a -4 dalla quarta piazza di Vibo Valentia (con una partita giocata in meno rispetto ai calabresi), non sono bastati gli attaccanti Adis Lagumdzija (18 punti, 3 aces), Donovan Dzavoronok (10) e Filippo Lanza (9).

Milano batte Modena per 3-2 (20-25; 30-28; 25-18; 21-25; 20-18) e conquista la sua prima vittoria nel nuovo anno solare. I meneghini, sotto 1-0 e poi avanti 2-1, si impongono al tie-break e conquistano un successo importante per rompere una striscia di risultati negativi che durava da prima di Natale. Gli uomini di Roberto Piazza salgono così all’ottavo posto, mentre i Canarini restano in settima posizione a -2 da Monza (ma con una partita giocata in più) e a +5 su Milano (che ha disputato un incontro in meno). I padroni di casa vanno in doppia cifrra con ben cinque uomini: Jan Kozamernik (16 punti, 5 muri), Luka Basic (15), Matteo Piano (15, 6 stampatone), Yuki Ishikawa (13) e Jean Patry (13). Agli emiliani non sono bastati gli scatenati Daniele Lavia (25 punti) e Luca Vettori (23).

Foto LM-LPS/Roberto Bartomeoli

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Carlos Sainz: “Amo correre in condizioni di asfalto complicate. Non vedo l’ora di guidare la Ferrari”

Pallanuoto femminile, Arno Havenga (CT Paesi Bassi): “Abbiamo conservato le energie per le prossime partite”