Volley femminile, Serie A1: Conegliano strapazza Scandicci, Pantere imbattibili. Monza, 9 vittorie di fila!

Oggi si sono giocati tre recuperi della Serie A1 di volley femminile. Conegliano non fa sconti, si conferma imbattibile anche nel big match contro Scandicci e trionfa con un sonoro 3-0 (25-22; 25-20; 25-15). Le Pantere hanno tentennato soltanto nel primo set, poi hanno giganteggiato in lungo e in largo schiacciando le toscane. Le ultime Campionesse d’Italia proseguono nella loro cavalcata incontrastata: 17 vittorie in altrettanti incontri disputati, primo posto in classifica a punteggio pieno, +8 su Novara a parità di incontri disputati. Prestazione di lusso da parte dell’opposto Paola Egonu (17 punti, 2 aces) e della schiacciatrice Miriam Sylla (15), doppia cifra anche per Bozana Butigan (10) contro le padrone di casa guidate da Megan Courtney ed Elitsa Vasileva (10 marcature a testa).

Scandicci resta così in quarta posizione e ora è lontana sei punti dalla terza piazza occupata da una sempre più strepitosa Monza. Le brianzole hanno infatti sconfitto Cuneo per 3-1 (25-19; 25-21; 22-25; 25-21), hanno infilato la nona vittoria consecutiva e si sono portate a -10 da Novara (con due incontri disputati in meno rispetto alle piemontesi e due in più di Scandicci). Le migliori sono state Edina Begic (16 punti), Laura Heyrman (16), Hanna Orthmann (13), Lise Van Hecke (12), 4 muri per Anna Danesi (10 punti complessivi). Cuneo si ferma ai 13 punti di Gaia Giovanninii e a i 12 di Katerna Zakchaiou ed Erblira Bici, sesto posto per le piemontesi.

Chieri ha inflitto un severo 3-0 (25-23; 27-25; 25-22) a Busto Arsizio. Le piemontesi hanno espugnato il PalaYamamay grazie soprattutto allo show della bomber Kaja Grobelna (25 punti) e sono tornate al successo dopo tre ko di fila, rafforzando il quinto posto in classifica con 26 punti all’attivo (uno in meno di Scandicci, con un incontro disputato in meno). Le Farfalle di Alexa Gray (18) e Camilla Mingardi (12) sono none con sedici punti e perdono dopo aver raccolto due successi.

Foto LM-LPS/Lisa Guglielmi

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Alex Zanardi è tornato a parlare. Ha comunicato con la sua famiglia

F1, Mattia Binotto: “Charles Leclerc può sfidare Lewis Hamilton con la Ferrari giusta”