Tour de Ski 2021, valanga russa a Dobbiaco. Bolshunov vince anche la 15 km, 3 azzurri a punti

Alexander Bolshunov in trionfo, la Russia al dominio più assoluto e inequivocabile. Si riassume così l’esito della 15 km a tecnica libera con partenza a intervalli di Dobbiaco, quarta tappa del Tour de Ski. Il leader di Coppa del Mondo non fa sconti e nemmeno lascia sfogare nessuno, controlla sempre con ampio margine ed è sempre più padrone con il tempo di 32’49″6.

Sono ben cinque i russi a comandare la classifica, oltre che sette nei primi otto. Sul podio vanno un Denis Spitsov di nuovo ai suoi livelli e staccato di 8″3 dal vincitore e Ivan Yakimushkin, che chiude a 13″9. Completano il novero dei primi cinque Alexey Chervotkin (+19″2) e Artem Maltsev (+21″8).

In sesta posizione il primo “intruso”, il francese Maurice Manificat, che a un certo momento è non lontano dal podio, ma finisce a 22″9. Ancora Russia in settima e ottava posizione con Evgeniy Belov (+27″6) e Andrey Melnichenko (+29″2), seguiti dall’altro transalpino Hugo Lapalus (+29″9, ma calato nel finale dopo una gara vicina ai russi di testa) e dal tedesco Janosch Brugger (+43″9), che ne precede tre di fila (Florian Notz a 45″2, Jonas Dobler a 49″7, Lucas Boegl a 50″1). Giornata in chiaroscuro tanto per Dario Cologna (lo svizzero è 18° a 1’09″7), del tutto scura invece per gli svedesi (Oskar Svensson il primo, 19° a 1’11″2).

Capitolo Italia: tre a punti, ma lontani dalla zona di testa. Giandomenico Salvadori è 21° a 1’14″8, precedendo Francesco De Fabiani (22° a 1’15″9) e Federico Pellegrino (25° a 1’21″6). Appena fuori dai 30 Paolo Ventura (31° a 1’37″3), 43° Mirco Bertolina a 2’11”. Un discorso a parte lo merita Davide Graz: è vero che finisce 35° a 1’49″5, ma è altrettanto vero che la sua gara vive di zona dei primi 15 fino all’ottavo chilometro. Il ventenne sappadino cala di netto nella seconda metà del percorso, ma lancia segnali.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Lando Norris positivo al Covid-19

Ciclocross, Eli Iserbyt riceve il via libera dai medici per correre dopo la caduta di Hulst