Sci alpino, Curtoni: “Finalmente continua dall’inizio alla fine”, Pirovano: “Cresco gara dopo gara”, Brignone: “La visibilità mi ha tradito”

Sofia Goggia ha vinto la discesa di Crans Montana (Svizzera) valevole per la Coppa del Mondo di sci alpino 2020-2021, ma è l’Italia nel complesso ad avere dominato la scena. Oltre alla bergamasca davanti a tutte, infatti, troviamo Elena Curtoni sul gradino più basso del podio, quindi quarta una splendida Laura Pirovano, mentre Federica Brignone è nona e si mangia le mani per il numero 3 di pettorale che, con il senno di poi, non l’ha certo aiutata. Andiamo, quindi, ad ascoltare i commenti post-gara delle nostre portacolori rilasciati ai microfoni di Raisport.

“Sicuramente una giornata molto bella – ammette Elena Curtoniper la squadra e per la sottoscritta. Finalmente sono stata continua da cima a fondo, come dovrei fare sempre. Sono felice, ho faticato un po’ nella parte bassa perché non vedevo tanto, mentre in alto ho sfruttato la migliore visibilità e ho dato tutto. Questa volta il pettorale numero 19 mi ha dato una mano. Bene così, e ora testa a domani”.

Un altro sorriso a 32 denti è sicuramente quello di Laura Pirovano. Un passo alla volta sto facendo sempre meglio. Sono felicissima, anzi direi che tocco davvero il cielo con un dito. Oggi mi sono sentita davvero al meglio. Sono partita bene, ho trovato la serenità ideale e sono scesa libera a livello mentale. Una sensazione bellissima. Siamo una squadra forte, dimostriamo gara dopo gara che, ogni volta, possiamo salire sul podio e ci stimoliamo a vicenda. Il podio ormai è vicino ma, se devo essere sincera, fino ad oggi non ci avevo mai pensato”.

Chiude Federica Brignone che, invece, si mangia un po’ le mani. “Ho disputato una buona prova, ma oggettivamente dopo la mia discesa la visibilità, specialmente in alto, è cambiata tantissimo. Per questo motivo ho un po’ di amaro in bocca, perché forse potevo fare ancora meglio. Ad ogni modo voglio fare i complimenti alle mie compagne che hanno centrato un risultato clamoroso. Domani tocca al superG, la mia gara. Spero in un pizzico di fortuna in più”.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Prada Cup, Luna Rossa in semifinale contro American Magic. Come sta Patriot dopo la scuffia? Barca verso la riparazione

Combinata nordica, Coppa del Mondo Lahti 2021: Austria I in testa al termine della prova di salto. Italia I chiude al 9° posto