Pallanuoto, Preolimpico 2021: il Setterosa vince in controllo su Israele. Domani l’Ungheria per Tokyo 2021

Una vera e propria formalità. Un incontro senza storia, sin dalla vigilia, nel quale non c’era bisogno di dare il massimo. Tante imprecisioni, tensione tutt’altro che alta, ma la vittoria è arrivata ed è stata, come previsto, nettissima. Il Setterosa batte, in quel di Trieste, Israele per 15-6 nei quarti di finale del torneo Preolimpico di pallanuoto femminile. Domani l’appuntamento forse più importante della stagione: nella semifinale con l’Ungheria ci si gioca, infatti, l’ultimo pass a disposizione per i Giochi di Tokyo 2021.

Come detto, oggi non c’era bisogno di andare sopra ritmo. In ogni caso le azzurre hanno chiuso la pratica sin dalle prime battute. 3-0 nel primo quarto con a segno Marletta, Garibotti e Giustini, 6-1 a metà gara ancora con Marletta, oltre a Chiappini e Queirolo ad arrotondare il risultato. La banda di Paolo Zizza si è concentrata più sulla fase difensiva, provando a fare il minimo indispensabile in un match da pochi stimoli. Nella ripresa è arrivato però un deciso cambio di passo: un terzo periodo di alto livello, chiuso 7-1 (protagonista Marletta, con 4 gol totali). Netto il calo negli 8′ conclusivi, nel quale addirittura le israeliane sono riuscite ad imporsi per 4-2, sfruttando le varie dormite delle azzurre.

Italia-Israele 15-6

Italia: Gorlero , Tabani 1, Garibotti 2, Avegno 2, Queirolo 1, Aiello , Marletta 4, Bianconi , Giustini 1, Palmieri 1, Chiappini 2, Viacava 1, Sparano . All. Zizza

Israele: Yaacobi 1, Levi , Bogachenko 2, Noy , Futorian , Farkash , Menakerman , Tal , Sasover 1, Hochberg 2, Gazit , Geva . All. Mavrotas

Arbitri: Aimbetov (Kaz), Horvath (Svk)

Note

Parziali: 3-0 3-1 7-1 2-4 Nessuna giocatrice uscita per limite di falli. Superiorità numerica: Italia 6/7 e Israele 1/3 + un rigore. In porta Gorlero (Ita) e Geva (Isr). Sparano (Ita) subentra a Gorlero a inizio quarto tempo. Israele con 12 giocatrici a referto.

Foto LM-LPS/Marco Todaro

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Italia-Ungheria, Semifinale Preolimpico pallanuoto: programma, orario, tv, streaming. Chi vince va a Tokyo

Ciclismo, la Classica Comunitat Valenciana torna dopo 16 anni e apre le danze della stagione europea 2021