LIVE Sci di fondo, Staffette Lahti in DIRETTA: la Norvegia cala il bis, squalificata la Russia I al maschile

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

12.03 La nostra cronaca live delle staffette dello sci di fondo in quel di Lahti termina qui. Grazie per averci seguito e a presto con gli sport invernali su OA Sport.

12.01 Squalificata la Russia I! Giustissima la sanzione per il bruttissimo gesto di Bolshunov. Sale sul podio la Russia II.

11.59 Russia II che arriva al traguardo in quarta piazza a 1:07 dalla testa, Germania quinta a 1:39 con due buone frazioni in coda.

11.56 Ancora la giuria non ha ufficializzato i risultati. Si attendono sviluppi fra pochi secondi.

11.54 Podio storico per la Finlandia nella staffetta maschile. Se le altre squadre sbagliano, i finnici sono pronti a sorprendere e ad issarsi in zona podio.

11.52 Rivedendo la volata capiamo che Bolshunov poteva prendere un altro binario e spostarsi alla sinistra del finlandese. Il russo riceverà senza dubbio una squalifica.

11.50 Joni Maki arriva davanti a Bolshunov! Il finlandese ha chiuso un po’ la strada al russo durante la volata. Bolshunov dopo il traguardo va addosso al finnico e lo butta volontariamente a terra. Brutta immagine di sport.

11.49 Krueger taglia il traguardo, la Norvegia vince la staffetta!

11.48 Joni Maki ha preso qualche metro prima della salita della fiaccola su Alexander Bolshunov.

11.46 Deve stare attenta la Russia I: portare in volata la Finlandia potrebbe essere rischioso.

11.45 Ustiugov si stacca all’accelerazione di Bolshunov. Maki riesce a rimanere attaccato al fenomeno russo.

11.44 Joni Maki fa sognare la Finlandia che, dopo il podio al femminile, potrebbe ripetersi anche al maschile.

11.43 Si sono rialzati Bolshunov, Maki e Ustiugov. Ormai le cose sono segnate per la vittoria di questa staffetta.

11.41 Da sottolineare anche la buona prova del classe 2000 tedesco Friedrich Moch: è partito da 1:12 di ritardo e sta tenendo testa perdendo pochissimo sia dal gruppo di Bolshunov, sia da Krueger.

11.38 Continua a spingere con grande costanza Bolshunov che nell’ultimo giro ha rosicchiato 5 secondi nei confronti della formazione norvegese.

11.36 Primo giro concluso ampiamente al comando da Krueger: vantaggio di 35 secondi sul tridente che insegue.

11.35 Anche oggi si confermerà il trend delle staffette vinte dalla Russia o dalla Norvegia: l’ultima a riuscire a spezzare questo dominio fu la Svezia nel 2010.

11.33 Bolshunov guadagna qualcosina rispetto alla vetta e prova a tenere alta l’andatura nel gruppo inseguitori.

11.31 Roethe lascia il testimone a Krueger: la Norvegia che si avvia verso il bis a Lahti. Finlandia e le due squadre russe cambiano a 40 secondi.

11.29 Niskanen e Spitsov si sono riportati su Melnichenko.

11.28 Se n’è andata la Norvegia: Roethe ha preso un margine di 30 secondi su un Melnichenko crollato dopo aver fatto il fuorigiri nelle prime due tornate.

11.26 Intanto Florian Notz limita i danni per la Germania: quinta posizione a 25 secondi dal podio.

11.24 Ai 20 km Roethe ha preso 7 secondi di vantaggio su Melnichenko, Finlandia e Russia I a poco più di 30 secondi dalla Norvegia.

11.23 Scatto sulla salita “della fiaccola” di Roethe che prova a verificare la condizione del russo Melnichenko.

11.22 Ai 18,8 km sempre appaiati Roethe e Melnichenko. La coppia Spitsov-Niskanen a poco meno di 25 secondi.

11.20 Niskanen ha agganciato Spitsov.

11.19 Spitsov in 2,5 km ha perso addirittura 7 secondi dalla coppia di testa. Bolshunov potrebbe essere costretto ad inseguire da lontano.

11.17 Ivo Niskanen sta addirittura andando a braccare Spitsov. Notevole questa prima parte di frazione del finnico.

11.16 Il norvegese Roethe si mette davanti per cercare di impedire alla Russia I di rientrare. Ottimo ritmo da parte del finlandese Niskanen a 23 secondi dalla vetta.

11.14 Al secondo cambio la Russia II e la Norvegia davanti. Denis Spitsov dovrà cercare di partire forte per chiudere il buco di 12 secondi dalla testa. Quarta piazza per la Finlandia a 26 secondi, quinta la Germania a 43.

11.11 Davvero una prova solida anche da parte di Yakimushkin. Sia lui sia Semikov hanno dato segnali evidenti in vista della staffetta del mondiale di Obersdorf.

11.09 Si incarta in salita Iversen e si mette a comandare le operazioni Yakimushkin. Belov sempre a 13 secondi.

11.07 Ultimo giro della seconda frazione con la stessa coppia in testa. Rimane stabile il distacco della Russia I, quarta la Finlandia con un buon Hakola.

11.05 Ritmo ancora alto per Yakimushkin che riesce a rimanere attaccato al norvegese Iversen. Belov torna a perdere qualcosina.

11.03 Dario Cologna e Janosch Brugger sono il lotta per la quinta posizione: appaiate Svizzera e Germania.

11.02 Belov ha recuperato qualcosa sulla vetta: 12 secondi il ritardo dalla Norvegia.

11.01 Iversen vuole subito fare la differenza: ha perso qualche metro Yakimushkin.

11.00 Yakimushkin tiene il ritmo di Iversen e Belov perde ancora: 14 secondi il ritardo dalla testa. Finlandia a 20 secondi, la Svizzera con Dario Cologna si trova a 31 secondi dalla coppia al comando.

10.57 Primo cambio con Norvegia e Russia II in testa. Chervotkin ha pagato addirittura 11 secondi nell’ultimo tratto. Belov dovrà fare gli straordinari per andare a riprendere il compagno di squadra.

10.55 Chervotkin patisce l’azione di Golberg e Semikov in salita. Lo staffettista della Russia II sta dando un segnale deciso al compagno di squadra.

10.54 Accelerazione decisa di Golberg: rimangono agganciato solo Semikov e Chervotkin.

10.52 Golberg sempre davanti con Russia II e Russia I. Ben piazzate anche le due squadre finlandesi

10.48 Anche la seconda squadra russa sta dando grandi risposte in questo inizio di gara, con un ottimo Ilia Semikov.

10.46 Nessuno in questo primo giro riesce a fare la differenza. A trainare il gruppo c’è il norvegese Golberg.

10.45 Rottura di bastone anche per lo svedese Sandstroem. Molto sportivo il tecnico americano che gli passa il nuovo attrezzo.

10.43 Lo svizzero Baumann in testa a dettare il passo.

10.41 Incredibile! Chervotkin rompe il bastone subito dopo la partenza. Avvio in salita per la Russia.

10.40 SI PARTE!

10.39 I primi frazionisti si sono già messi in fila, pronti per la partenza.

10.34 La Norvegia potrà schierare i primi quattro atleti della skiathlon di ieri: Emil Iversen, Sjur Roethe, Paal Golberg e Simen Hegstad Krueger. Nonostante l’assenza di Klaebo, il piatto è ricco. Russia forte della presenza del vincitore del Tour de Ski: Alexander Bolshunov. Il fuoriclasse russo vuole riscattare la quinta posizione di ieri, dopo la caduta che l’ha messi fuori causa per la vittoria.

10.30 Nel settore maschile la nazionale norvegese punterà al bis, anche se al maschile le cose sono sicuramente più incerte: si prospetta un duello fra gli scandinavi e la Russia. Attenzione anche alla Germania che può recitare il ruolo di sorpresa.

10.27 La Norvegia è vincente nelle staffette in Coppa del Mondo da diciassette gare consecutive: l’ultima non vittoria arrivò nel 2009 dove si impose la Svezia.

10.25 Fra circa un quarto d’ora partirà la staffetta 4×7,5 km maschile.

10.23 Quinti gli Stati Uniti, crollati dopo i buoni segmenti di Brennan e Diggins.

10.22 Seconda posizione per la Svezia che giunge all’arrivo a 43 secondi grazie ad un’eccellente ultima frazione di Andersson. Terza la Finlandia a poco meno di un minuto e quarta la Russia.

10.20 49:34.4 il tempo finale della squadra norvegese che ha dominato ancora una volta la staffetta.

10.19 Passerella per Heidi Weng prima del traguardo.

10.18 1,2 km alla conclusione: Heidi Weng gestisce la situazione senza forzare più di tanto. Ebba Andersson a 45 secondi dalla Norvegia, Parmakoski e la Finlandia si dovranno probabilmente accomodare in terza piazza.

10.15 Allunga Ebba Andersson su Krista Parmakoski all’uscita dello stadio. La finlandese è in evidente affanno.

10.14 Rimangono in coppia Parmakoski e Andersson ai 17,5 km. Istomina e Patterson perdono ancora terreno dalla seconda e terza posizione.

10.12 Grande partenza da parte di Ebba Andersson: la svedese ha ripreso la Finlandia ed ha rosicchiato qualcosa anche sulla Norvegia.

10.10 Fossesholm era partita con un vantaggio di sette secondi sulla Finlandia: ha incrementato di 45 secondi nella sua strabiliante frazione.

10.08 Terzo ed ultimo cambio con la Norvegia che ha in tasca la vittoria avendo un vantaggio di 52 secondi sulla Finlandia e un minuto su Svezia e Russia. Stati Uniti a 1:09.

10.05 Tecnica veramente straordinaria da parte di Fossesholm: potenza fisica e splendida pattinatrice la classe 2001 norvegese. Se la potrebbe giocare anche con Ebba Andersson in una 10 km con questa condizione.

10.02 A metà del terzo frammento di gara, la Norvegia ha un vantaggio di addirittura 27 secondi sulla Finlandia. Lotta serrata dietro con Svezia, Russia e Stati Uniti racchiuse nel giro di meno di cinque secondi.

10.00 Niente male finora la frazione della classe 2000 statunitense Sophia Laukli: sta mostrando diversi progressi anche in termini di personalità questa ragazza.

9.57 Sciata possente per la norvegese Fossesholm che  aumenta il divario sulla Finlandia: 15 secondi il vantaggio. Svezia e Russia a 35 secondi.

9.55 Secondo cambio: ha fatto il vuoto Therese Johaug che lascia il testimone a Fossesholm. Solo la Finlandia riesce a restare vicino alle scandinave (7 secondi). Cambiano a 25 secondi Stati Uniti e Russia.

9.52 Niskanen si trova a sei secondi da Johaug, fanno fatica tutte le altre: Diggins accusa 17 secondi, Nepryaeva 19.

9.50 Grande segmento sin qua da parte di Kerttu Niskanen che tiene nel mirino la fuori categoria Therese Johaug.

9.48 Ai 7,5 km sempre la Norvegia a condurre le operazioni con 1.6 secondi di vantaggio sulla Finlandia I e 3.8 sulla Russia I. Fa più fatica Jessie Diggins.

9.46 Germania, Finlandia II e Canada accusano oltre 30 secondi dalla testa.

9.45 Arriva a doppia velocità Therese Johaug che prova subito a fare la differenza. Jessie Diggins riesce momentaneamente a rimanere agganciata.

9.43 Siamo al primo cambio con Finlandia, Svezia, Norvegia, Stati Uniti e Russia attaccate. Adesso entrano in scena le più forti: Natalia Nepryaeva (Russia), Jessie Diggins (Stati Uniti), Therese Johaug (Norvegia).

9.41 La Finlandia rompe gli indugi! Prova a partire Johanna Matintalo con Charlotte Kalla che cerca di ricucire il buco creato dalla padrona di casa.

9.40 Siamo sulla salita più impegnativa con Weng che si è messa in testa a tirare insieme alla finlandese Matintalo e la svedese Kalla.

9.38 Il giro da 2,5 km non è particolarmente selettivo: tutte le squadre ancora attaccate, nonostante il tentativo della Russia di creare uno strappo.

9.37 Kirpichenko aveva preso l’iniziativa nel primo kilometro e mezzo, adesso è Gimmler ad essersi portata in testa a fare l’andatura.

9.34 Gruppo ancora compatto al rilevamento del 1,3 km. Solo l’Ucraina si è staccata dal plotone.

9.33 Vedremo chi farà già la differenza in questa prima frazione: Rosie Diggins e Charlotte Kalla hanno il compito di non far scappare già la Norvegia con Tiril Udnes Weng.

9.30 SI PARTE!

9.29 Gli skimen hanno dovuto fare i conti con una neve piuttosto bagnata nel preparare i materiali per le atlete.

9.27 Nebbia in quel di Lahti con temperature sopra lo zero e particolari per gli standard.

9.23 Non sarà sicuramente semplice spodestare il dominio norvegese, almeno al femminile. Potranno provare ad ottenere un piazzamento di rilievo gli Stati Uniti, forti della presenza delle prime due della classifica generale: Jessie Diggins e Rosie Brennan. In lotta per il podio anche la Svezia grazie alla presenze di Charlotte Kalla ed Ebba Andersson.

9.19 La prima gara a partire sarà la 4×5 km femminile. La favorita numero uno è senza dubbio la Norvegia, rientrante in Coppa del Mondo dopo l’assenza al Tour de Ski. Le scandinave possono mettere in campo la fuoriclasse Therese Johaug, vincitrice ieri nello skiathlon, oltre a Helene Marie Fossesholm e Heidi Weng.

9.15 L’Italia è assente a queste due staffette per scelta tecnica. La nostra nazionale ha preferito fare uno stage a Oberstdorf per studiare al meglio il tracciato dei prossimi mondiali e ieri diversi atleti sono stati impegnati nei Campionati Italiani Assoluti di Clausone.

9.12 Buongiorno amici di OA Sport e benvenuti alla DIRETTA LIVE delle staffette maschili e femminili di Lahti, valide per la Coppa del Mondo di sci di fondo.

Buongiorno amici di OA Sport e benvenuti alla DIRETTA LIVE delle staffette maschili e femminili di Lahti, tappa finlandese di Coppa del Mondo.

A partire sarà la 4×5 km femminile alle 9:30 con la nazionale norvegese favorita. Le scandinave si sono ripresentate oggi nel circuito dopo l’assenza del Tour de Ski e i risultati si sono immediatamente visti: Therese Johaug, Helene Marie Fossesholm e Heidi Weng hanno monopolizzato il podio e saranno rispettivamente seconda, terza e quarta frazionista. Tra le altre nazioni da tenere d’occhio è sicuramente presente la Svezia con il contributo di Ebba Andersson e Charlotte Kalla oltre agli Stati Uniti che potranno presentare le prime due della classifica generale di Coppa del Mondo: Jessie Diggins e Rosie Brennan.

Nella 4×7,5 km maschile (ore 10:40), la nazionale con più credenziali per il successo è ancora una volta la Norvegia. Nella skiathlon di ieri, i norvegesi hanno addirittura piazzato un poker nelle prime quattro posizioni: Emil Iversen, Sjur Roethe, Paal Golberg e Simen Hegstad Krueger. Questi saranno i quattro staffettisti a caccia del successo. Possono provare a recitare il ruolo di outsider la Russia con Alexander Bolshunov e Alexey Chervotkin e la Svizzera con il veterano Dario Cologna.

OA Sport vi offre la DIRETTA LIVE di entrambe le staffette di Coppa del Mondo in scena a Lahti (Finlandia). La nostra cronaca live comincerà intorno alle 9:10 per introdurre nel modo migliore le due gare. Buon divertimento con gli sport invernali sul nostro sito!

 

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bob a 4: Francesco Friedrich senza rivali, altra vittoria ad Igls. 14mo Patrick Baumgartner

Sci alpino, Dominik Paris: “Con questa luce ora ho dei limiti, prima non avevo paura”