Golf, PGA Tour 2021: un sorprendente Brandon Hagy chiude al comando il primo round del The American Express. Francesco Molinari buon 39*

Archiviata la parentesi hawaiana, il PGA Tour vola in California per dar vita al The American Express (montepremi 6,7 milioni di dollari). L’evento, conosciuto in passato col nome di Desert Classic e Career Builder Challenge, ha la particolarità di svilupparsi su 2 percorsi. I golfisti impegnati nella kermesse californiana si alternano infatti sui par 72 del West Stadium Course e del West Nicklaus Tournament Course, situati a La Quinta e Palm Desert (California, Stati Uniti).

Dopo le prime 18 buche del giovedì al comando troviamo a sorpresa Brandon Hagy. Il 29enne californiano di Santa Monica piazza un ottimo -8 sul Nicklaus Tournament Course (NT) trovando 10 birdie e due bogey e coltiva una lunghezza di margine sul più immediato inseguitore che porta il nome di Byeong Hun An. Il sudcoreano con il -7 colto sul medesimo percorso bracca il battistrada ed è seguito a -6 dal connazionale Si Woo Kim, impegnato nello Stadium Course (SC). Terza posizione con -6 in compagnia dell’asiatico per lo scozzese Martin Laird (NT) e per l’americano Max Homa (NT).

-5 e top ten chiusa dal sudafricano Charles Schwartzel (SC), dallo svedese Alex Noren (NT), e dagli statunitensi Sam Ryder (NT), Michael Thompson (NT), Tyler Duncan (NT), Doug Ghim (SC), Maverick McNealy (NT), Andrew Putnam (NT) e Ben Martin (SC).

Buon primo round per Francesco Molinari. Il torinese, al primo evento stagionale, chiude le 18 buche dello Stadium Course con lo score di -3 (5 birdie e 2 bogey) al 39° posto e può guardare al secondo giro con ottimismo. Un colpo di distacco dall’italiano per il detentore del titolo Andrew Landry (SC). Lo statunitense, 61° con -2, dovrà trovare il feeling della passata edizione per risalire una classifica comunque estremamente corta, e rientrare nella lotta al successo. Nel tardo pomeriggio italiano via al secondo round che ci dirà di più su chi potrà giocarsi la vittoria finale.

Foto: Shutterstock/Masuti

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sport in tv oggi (venerdì 22 gennaio): orari e programma completo. Come vedere gli eventi in streaming

Sci di fondo, Coppa del Mondo Lahti 2021: la Norvegia pronta a tornare a macinare successi. Italia assente