Come sta Alex Zanardi? La commozione della famiglia: è tornato a parlare. Come procedono le cure

Alex Zanardi è tornato a parlare a quasi sette mesi di distanza dal terribile incidente in handbike. A raccontarlo è stata la dottoressa Federica Alemanno al Corriere della Sera. Lo sportivo ha comunicato con i propri cari e la commozione è stata tanta per un momento sperato da molto tempo. Ma come sta Alex Zanardi? A quali cure si è sottoposto?

Si parla della “awake surgery”, ovvero della “chirurgia da svegli”. Ne parla la dottoressa Alemanno: “È una tecnica molto particolare che si fa in pochissimi centri in Italia e ha come obiettivo quello di garantire al paziente la migliore qualità di vita possibile dopo un’inevitabile intervento chirurgico. Viene utilizzata in casi particolari, soprattutto in pazienti giovani, compresi tra i 30 ed i 50 anni, con due tipi di malattia: i gliomi cosiddetti a basso grado e i cavernomi. I primi sono tumori del cervello non particolarmente aggressivi, ma che possono, con la loro presenza in certe aree, compromettere alcune importanti attività cerebrali, come ad esempio la memoria, la parola e l’attenzione. Stesso discorso per i cavernomi. Sono malattie piuttosto rare“.

Come funziona questa pratica? Alemanno ne spiega tutti i dettagli: “Io sono la prima a vedere il paziente candidato all’intervento. Lo sottopongo ad un test per capire quali sono le sue capacità cognitive, da verificare successivamente in sala operatoria. Prima di mettere in azione il bisturi il chirurgo simula, con stimolazioni elettriche, l’intervento zona per zona. Se ad esempio siamo nell’area della memoria, ripropongo al paziente, sedato ma non addormentato, la fotografia della moglie. Se la riconosce, significa che il bisturi non danneggerà questa funzione e il chirurgo può procedere. Lo scopo non è solo la sopravvivenza del paziente, ma quello di salvaguardare il più possibile le sue funzioni cognitive ed assicurare la migliore qualità di vita possibile“.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Alex Zanardi

ultimo aggiornamento: 14-01-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Salto con gli sci, Coppa del Mondo Zakopane 2021: si gareggia a casa di ‘King’ Kamil Stoch

America’s Cup 2021: quanto dura una regata? C’è un tempo massimo da rispettare