Biathlon, Coppa del Mondo Anterselva 2021: Lukas Hofer e Dominik Windisch ritornano nella loro “culla agonistica”

Come da tradizione, l’ultima tappa del mese di gennaio va in scena ad Anterselva, che in questo 2021 sarà l’unica  “Classica Monumento” del biathlon. Infatti Ruhpolding, dove si sarebbe dovuto gareggiare settimana scorsa, è stata stralciata dal calendario in favore di un doppio appuntamento a Oberhof, allo scopo di ridurre al minimo gli spostamenti della carovana del massimo circuito.

Antholz si può fregiare del titolo di “Classica Monumento” per tre ragioni. In primis perché ospitato la Coppa del Mondo maschile in tutte le stagioni eccetto due (1983-’84 e 1988-’89); in secondo luogo perché è l’unica località ad aver organizzato ben 6 edizioni dei Mondiali (1975, 1976, 1983, 1995, 2006, 2020); infine, poiché è il posto in cui è disputato il maggior numero di gare di primo livello. A oggi, in campo maschile se ne contano ben 106 (31 venti km, 44 sprint, 18 inseguimenti, 13 mass start), di cui quindici con valore iridato.

Vista la sconfinata storia della località, non sorprende che su queste nevi siano riusciti a raccogliere almeno una vittoria ben cinquantaquattro atleti. Fra di essi spicca la figura Ole Einar Bjørndalen, capace di imporsi addirittura in 15 occasioni. Peraltro, è proprio in Alto Adige che il norvegese ha ottenuto il primo successo della sua carriera (1996). Le successive affermazioni sono arrivate tra il 1998 e il 2008 e comprendono anche 2 ori iridati nel 2007.
Sono invece sette gli uomini in attività ad aver già primeggiato ad Anterselva. Johannes Bø ha arpionato 6 vittorie (una nel 2017, due nel 2018, due nel 2019 e un oro mondiale 2020), superando così Simon Schempp, che dal canto suo si è issato a quota 5, peraltro consecutive (due nel 2014, due nel 2015 e una nel 2016). Si sono inoltre imposti 1 volta Arnd Peiffer (2010), Lukas Hofer (2014), Quentin Fillon Maillet (2019), Alexander Loginov (oro iridato 2020) ed Emilien Jacquelin (oro iridato 2020).

Guardando invece ai podi, sono quindici i biathleti tuttora in azione ad aver già fatto il proprio ingresso nella top-three in quel di Anterselva. Anche questa graduatoria è capitanata da Johannes , il quale ha già raggiunto la doppia cifra:
10 (6-3-1) – BØ Johannes Thingnes [NOR]
6 (5-1-0) – SCHEMPP Simon [GER]
5 (1-3-1) – FILLON MAILLET Quentin [FRA]
5 (1-1-3) – PEIFFER Arnd [GER]
3 (0-2-1) – GARANICHEV Evgeniy [RUS]
3 (0-1-2) – FAK Jakov [SLO]
2 (1-0-1) – LOGINOV Alexander [RUS]
2 (1-0-1) – JACQUELIN Emilien [FRA]
2 (0-2-0) – EDER Simon [AUT]
2 (0-1-1) – BØ Tarjei [NOR]
2 (0-1-1) – BJØNTEGAARD Erlend [NOR]
2 (0-1-1) – GUIGONNAT Antonin [FRA]
1 (1-0-0) – HOFER Lukas [ITA]
1 (0-1-0) – TSVETKOV Maxim [RUS]
1 (0-0-1) – SEMENOV Sergey [UKR]

Ragionando invece per nazione, si evince come ad Antholz il movimento tedesco sia quello egemone, almeno per numero di podi. Invece, se guardiamo ai successi, la Germania e la Norvegia sono attualmente appaiate:
80 (26-24-30) – GERMANIA [All-Inclusive]
70 (26-22-22) – NORVEGIA
40 (13-14-13) – FRANCIA
36 (9-12-15) – RUSSIA
32 (13-11-8) – URSS + CSI
17 (5-6-6) – AUSTRIA
12 (4-6-2) – ITALIA
10 (5-5-0) – SVEZIA
4 (2-0-2) – UCRAINA
4 (1-0-3) – BIELORUSSIA
4 (0-2-2) – SLOVENIA
3 (1-1-1) – REP.CECA
3 (1-1-1) – FINLANDIA
2 (1-0-1) – POLONIA
1 (0-1-0) – CINA

Come si può evincere dalla sovrastante tabella, l’Italia ha mandato in archivio complessivamente 12 podi, arrivati con otto atleti diversi.
Curiosamente, l’azzurro con il palmares più ricco in Alto Adige non è un altoatesino! Infatti Pier Alberto Carrara ha raccolto 3 top-three, tutti nel format della sprint ( nel 1993, nel 1994 e nel 1997).
A quota 3 troviamo anche Andreas Zingerle, il quale però non ha mai vinto ( nella sprint del 1998, nell’individuale del 1990 e nella sprint del 1991).
Hanno inoltre ottenuto 1 podio a testa Gottlieb Taschler ( nell’individuale 1986), Johann Passler ( nell’individuale 1988), Elmar Mutschlechner ( nell’individuale 1993), Patrick Favre ( nell’individuale 1994), Renè Cattarinussi ( nella sprint 1999) e Lukas Hofer ( nella sprint 2014).

Guardando agli uomini in attività, si è detto del successo conquistato da Hofer sette anni fa. Oltre a quell’affermazione, il trentunenne di San Lorenzo di Sebato è entrato altre tre volte nella top-ten. Dal canto suo Dominik Windisch vanta due ingressi nelle prime dieci posizioni, con l’ posto nella mass start del 2018 come risultato migliore. Solo un altro azzurro tuttora in azione ha già fatto ingresso in zona punti. Si tratta di Thomas Bormolini, classificatosi 19mo nell’inseguimento del 2019.

STAFFETTE
Nella giornata di sabato è prevista anche una staffetta. Ovviamente ad Anterselva c’è una gloriosa tradizione anche riguardo questo format di gara. In campo maschile se ne sono già disputate ben 37.
Questa la graduatoria dei successi:
7 – GERMANIA UNITA (compreso l’oro iridato 1995)
6 – URSS (compreso l’oro iridato 1983)
6 – GERMANIA EST
5 – RUSSIA (compreso l’oro iridato 2007)
5 – FRANCIA (compreso l’oro iridato 2020)
3 – NORVEGIA
1 – FINLANDIA (oro iridato 1975)
1 – BIELORUSSIA
1 – REP.CECA
1 – ITALIA
1 – SVEZIA
Dunque è interessante notare come la Norvegia, nelle staffette, sia decisamente in sofferenza rispetto ad altri contesti.

Il successo italiano è parecchio datato, essendo arrivato il 26 gennaio 1992. Quel giorno si imposero Hubert Leitgeb, Johann Passler, Pier Alberto Carrara e Andreas Zingerle.

Il movimento azzurro ha inoltre raccolto altri sei podi.
Il 27 gennaio 1991 Pier Alberto Carrara, Johann Passler, Wilfried Pallhuber e Andreas Zingerle conclusero secondi.
Il 14 gennaio 1996 René Cattarinussi, Wilfried Pallhuber, Patrick Favre e Pier Alberto Carrara si piazzarono terzi.
Il 19 gennaio 1997 sempre René Cattarinussi, Wilfried Pallhuber, Patrick Favre e Pier Alberto Carrara chiusero secondi.
Il 24 gennaio 1999 i soliti Renè Cattarinussi, Patrick Favre, Wilfried Pallhuber e Pier Alberto Carrara si attestarono alla piazza d’onore.
Il 25 gennaio 2003 Renè Cattarinussi, René Laurent Vuillermoz, Devis Da Canal e Wilfried Pallhuber si classificarono terzi.
Infine, il 23 gennaio 2011 Christian De Lorenzi, René Laurent Vuillermoz, Lukas Hofer e Markus Windisch arpionarono la seconda posizione.

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

NBA, Matteo Soragna: “Il comportamento di Irving fa discutere, ma sarà il campo a decidere. Con Harden i Nets vogliono vincere”

Ciclismo, Elia Viviani sottoposto a controlli cardiaci: avvertite anomalie durante il ritiro