Volley femminile, Champions League: Scandicci e Busto Arsizio pronte per l’esordio. Ci sarà anche il derby

Scandicci e Busto Arsizio sono pronte a fare il loro esordio nella fase a gironi della Champions League 2020-2021 di volley femminile. Tra martedì 1° e giovedì 3 dicembre andrà in scena il primo round robin della Pool A, sarà proprio Scandicci a ospitare il primo dei due round robin (l’altro è previsto a Schwerin a inizio febbraio). Le due squadre italiane si sfideranno oggi pomeriggio nel match d’apertura del girone completato dalle tedesche del Palmberg Schwerin e dalle polacche del Developres Resovia. Si tratta dunque di un raggruppamento molto complicato, a qualificarsi agli ottavi di finale saranno le vincitrici dei cinque gironi e le tre migliori seconde classificate.

Scandicci sta attraversado un buon momento: tre vittorie consecutive in campionato (l’ultima il 25 novembre contro Cuneo) e quarto posto in classifica, ad appena un punto di distacco da Novara e Monza (le immediate inseguitrici dell’inarrivabile capolista Conegliano). Busto Arsizio sta invece boccheggiando, ha sì vinto sabato sera contro Perugia al tie-break, ma in questo avvio di stagione ha collezionato appena tre successi in Serie A1 e occupa il terzultimo posto in graduatoria. Le toscane, che sono dovute passare dal doppio turno preliminare, si affideranno ai loro elementi migliori: la regista Ofelia Malinov, le attaccanti Magdalena Stysiak, Elena Pietrini, Megan Courtney, Lucia Bosetti. Le lombarde, al grande ritorno nella massima competizione continentale dove hanno anche disputato anche una finale in passato, sperano di rialzare la testa, spinte dalle attaccanti Camilla Mingardi, Alessia Gennari e Alexa Gray.

Attenzione alle due compagini straniere, che non andranno assolutamente sottovalutate. Il Resovia ha dalla sua buoni elementi come Gabriela Polanska, Kiera Van Ryk, Zuzanna Efimienko e Jelena Blagojevic. Le tedesche sono reduci dall’inatteso quarto di finale della passata stagione, non hanno una stella assoluta ma è una formazione ben organizzata che andrà presa con le pinze.

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto LM-LPS/Lisa Guglielmi

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Rugby: l’Argentina sospende tre giocatori per commenti xenofobi

Ciclismo, Alessandro Fancellu: “Sogno il Lombardia. Se Ivan Basso crede in me, vuol dire che qualche speranza c’è”