Volley, Challenge Cup 2020-2021: l’Allianz Milano travolge 3-0 il Kamnik e domani contro la Dinamo Bucarest si gioca la semifinale

Missione compiuta per l’Allianz Milano che vince in scioltezza 3-0 l’ottavo di finale contro gli sloveni del Calcit Kamnik e domani sempre tra le mura amiche affronterà la Dinamo Bucarest (oggi vittoriosa contro il Dupnitsa) nella sfida che mette in palio un posto in semifinale nella Challenge Cup. Piazza, privo di Ishikawa e Weber, rimasti a casa, lascia in panchina l’ultimo arrivato Urnaut e punta su Mosca nel ruolo di opposto e Basic in banda in diagonale con uno scatenato Maar. In regia c’è Sbertoli, al centro i titolari Kozamernik e Piano. Dall’altra parte lo spauracchio si chiama Mitja Gasparini, opposto di grande esperienza che ha giocato anche in Italia ma che oggi non ha inciso sul match.

Primo set sul velluto, o quasi, per l’Allianz che parte meglio rispetto alla formazione ospite, che fatica ad innescare la sua star Gasparini, vecchia conoscenza dei tifosi italiani. Sbertoli, invece, giostra i suoi attaccanti, sfrutta al meglio Matteo Piano e Milano vola sul 16-12. Kamnik rimonta fino al 21-19 ma ne finale c’è solo Milano che non lascia più spazio agli sloveni e si impone 25-19.

Nel secondo set Piazza conferma la formazione iniziale e Milano riparte da dove aveva concluso volando sul 4-0. Gli sloveni hanno un moto di reazione e riescono a rimontare fino al 10-9 ma l’Allianz ritrova la concentrazione e riprende a macinare gioco facendo leva su Maar e Kozamernik. I meneghini riprendono il largo nella parte centrale del set (16-10) e non si fanno più riprendere fino al 25-18.

Nel terzo parziale ancora partenza a razzo della squadra milanese, che scatta avanti sul 10-5. I padroni di casa controllano senza troppi problemi il Kamnik, che il meglio di sé lo ha già dato. Milano non lascia scampo agli sloveni, mantiene le distanze grazie a Maar, inarrestabile (9 punti nel set), e si impone con il punteggio di 25-16.

Per Milano il mattatore di serata è proprio il canadese Maar, che totalizza ben 22 punti in tre set. Bene Basic e Kozamernik, con 9 punti a testa. Per il Kamnik è Kosmina il top scorer con 8 punti, mentre Gasparini si ferma a quota 7.

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI VOLLEY

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto LM-LPS/Luigi Mariani

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Davide Cassani e l’asta dei cimeli di Marco Pantani: “Non posso sopportare l’idea che finiscano lontano da casa sua”

Calcio, Champions League 2020-2021: Lazio-Club Brugge 2-2. I biancocelesti vanno agli ottavi!