Tennis, Jannik Sinner, Berrettini e gli altri italiani: dove giocheranno i primi tornei del 2021?

La stagione del tennis sta per tornare in auge. Pochi giorni fa i circuiti internazionali hanno comunicato quali saranno i tornei in programma, relativamente ai primi due mesi. Una decisione dettata dalle circostanze della pandemia che obbliga tutti a navigare a vista.

Come è noto, quindi, la stagione del tennis maschile prenderà il via in due ATP 250. Dal 7 al 13 gennaio si giocherà sul cemento di Adalia (in turco Antalya). Per organizzare il torneo si è reso necessario un cambio di superficie, dal momento che solitamente si gioca sull’erba. Nell’ultima edizione disputata, cioè quella del 2019 visto che per il Covid-19 quella 2020 non si è tenuta, fu Lorenzo Sonego a imporsi, unico titolo nel circuito internazionale per il tennista piemontese. Sonego che ha concluso alla grande il 2020 (finale nell’ATP 500 di Vienna, sconfiggendo nel proprio percorso Novak Djokovic), occupando la posizione n.33 del ranking. Il torinese, reduce da una settimana di allenamenti molto intensa alla Rafa Nadal Academy, si presenterà direttamente in Australia per disputare o l’ATP Cup o i due tornei ATP 250 in programma a Melbourne, che precederanno gli Australian Open (8-21 febbraio). Lorenzo durante la quarantena australiana si allenerà con Lajovic, Caruso e Davidovich-Fokina.

Tornando ad Antalya, sarà numerosa la pattuglia azzurra presente. Ben sei tennisti del Bel Paese saranno al via: il n.10 del mondo Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Jannik Sinner, Stefano Travaglia, Salvatore Caruso e Marco Cecchinato. Grande curiosità per Sinner che, vittorioso sul finire del 2020 dell’ATP di Sofia, ha voglia di iniziare col piglio giusto anche il 2021. Per motivazioni diverse, lo stesso obiettivo sarà quello di Berrettini e Fognini: il romano non è stato autore di un’annata memorabile, condizionata dagli infortuni, mentre il ligure operatosi a entrambe le caviglie e positivo anche al Covid-19 a Santa Margherita di Pula dovrà trovare la sua miglior condizione, con un nuovo tecnico (Alberto Mancini al posto di Corrado Barazzutti). Sempre il 7-13 gennaio andrà in scena il torneo di Delray Beach in Florida, sul cemento americano, e a rispondere presente in casa Italia sarà Gianluca Mager.

Per quanto concerne le qualificazioni agli Australian Open, che si disputeranno dal 10 al 13 gennaio e che saranno riservate a tutti quei giocatori che non giocheranno i tornei negli States e in Turchia, vedremo in azione ben 10 azzurri: Andreas Seppi, Lorenzo Musetti, Federico Gaio, Paolo Lorenzi, Lorenzo Giustino, Alessandro Giannessi, Thomas Fabbiano (al ritorno sui campi dopo essersi fermato per tutta la seconda parte del 2020), Roberto Marcora, Matteo Viola e Gian Marco Moroni. Va ricordato che Seppi, attualmente n.106 del mondo, è fuori dal tabellone principale di due posizioni e in caso di due rinunce potrebbe rientrare nel main draw di cui fanno già parte Berrettini, Fognini, Sonego, Sinner, Caruso, Travaglia, Cecchinato e Mager. Grande interesse per Musetti, protagonista di un ottimo 2020 nel quale soprattutto sulla terra rossa ha fatto vedere grandi cose, ricordando gli ottavi di finale raggiunti a Roma (vittorie contro Wawrinka e Nishikori) e la semifinale nel torneo ATP in Sardegna, costretto poi al ritiro per un problema fisico. Vedremo dunque il classe 2002 di Carrara che cosa saprà fare.

Foto: B.Stefanov / Shutterstock.com

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby, Pro 14: Zebre-Treviso, il 2020 si chiude col botto

Sci alpino, meglio Federica Brignone o Deborah Compagnoni? Ere diverse, ma la valdostana è tra le immortali