MotoGP, Joan Mir: “Il 2° posto in Austria è stato il punto di svolta della mia stagione, perché mi ha regalato tranquillità”

È strano pensare che dopo le prime gare di questa stagione 2020 ero piuttosto indietro rispetto ai primi in classifica e ora stiamo festeggiando il titolo”, così Joan Mir dopo aver conquistato il suo primo Mondiale in MotoGP. Lo spagnolo della Suzuki ha ripercorso le tappe principali della sua corsa iridata in un’intervista rilasciata al sito ufficiale del team: “La stagione è stata molto difficile, con tante gare ravvicinate. Se devo scegliere un GP come punto di svolta allora scelgo l’Austria: volevo assolutamente un podio e averlo ottenuto mi ha dato un grande sollievo. Avevo accumulato un sacco di tensione, che poi ho sprigionato una volta salito sul podio. D’altronde volevo assolutamente dimostrare di cosa fossi capace”.

Il maiorchino, da quel momento in poi, è salito di colpi progressivamente mettendo in evidenza una costanza di rendimento impressionante: “Quel secondo posto mi ha regalato tranquillità. Il segreto del mio Mondiale è questo: ogni volta che mi pongo un obiettivo da raggiungere, lo agguanto e non mi sento mai appagato. A ogni modo è stato un anno incredibile, con la crisi legata al Coronavirus e i problemi che ho avuto l’anno scorso. Quando ripenso all’incidente di Brno rivivo ancora quella sensazione che mi toglieva il fiato, era così spaventosa. L’incidente e l’infortunio sono stati un momento difficile, ma anche il recupero è stato molto lungo e complicato”.

“Vedere il mio volto tra tutti i campioni storici di Suzuki è qualcosa di magico e mi fa sentire molto onorato e orgoglioso – prosegue il vincitore del Mondiale MotoGP 2020 – Tutti noi del team siamo parte della storia, la storia di una squadra sfavorita che è venuta in MotoGP per sfidare i team più grandi. Vincendo, perché ha costruito una moto completa ed equilibrata. Una moto che ha vinto un titolo grazie a queste caratteristiche e l’adattabilità a ogni pista e condizione”.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Joan Mir Mondiale MotoGP 2021 Motomondiale 2021

ultimo aggiornamento: 17-12-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Breezy Johnson domina la seconda prova della discesa della Val d’Isere, ottima terza Sofia Goggia!

Nuoto, Assoluti invernali 2020: risultati serie lente (17 dicembre). Gregorio Paltrinieri si ‘scalda’ nei 400 sl, attese per il pomeriggio