MotoGP, Franco Morbidelli: “Amicizia senza filtri con Valentino Rossi. Non c’è sorpasso che possa ledere il rapporto”

Franco Morbidelli si è reso protagonista di un eccellente Mondiale MotoGP 2020. Il romano ha concluso la stagione in seconda posizione nella classifica generale alle spalle dello spagnolo Joan Mir, vincendo tre gare ed entrando a tutti gli effetti in una nuova dimensione. Il centauro della Yamaha Petronas ha dimostrato tutto il suo talento e ha fatto capire concretamente di essere un pilota in grado di puntare ai massimi traguardi, il prossimo anno resterà con la squadra satellite della scuderia di Iwata e cercherà il colpaccio a effetto.

Franco Morbidelli sarà compagno di squadra di Valentino Rossi. Il Dottore, grande mentore del 26enne, ha lasciato il team ufficiale e nel 2021 sarà un alfiere della Petronas. Il ribattezzato Morbido ha analizzato la sua stagione in un’intervista concessa al Corriere dello Sport: “Quanto mi ha cambiato questo 2020? Abbastanza, anche se sono sempre il Franco che tutti conoscono. I risultati forse mi hanno reso un po’ più popolare. Lo percepisco negli occhi delle persone e nel modo in cui mi trattano. Questa cosa mi gratifica, significa che ho fatto un buon lavoro. A volte penso che la vita e le moto vanno un po’ a braccetto. Ho avuto un’infanzia felice, ma al tempo stesso c’è stata la sofferenza. Penso però che la sofferenza debba essere accolta, bisogna conviverci quasi arrivando a godersela e io sto ancora imparando a farlo. So però cosa significhi vivere le difficoltà e la vera sfida è affrontarle, senza avere paura, con equilibrio“.

Sul rapporto con Valentino Rossi: “Vale mi conosce da quando avevo 12 anni e noi non ci nascondiamo la nostra natura di nemici in pista. Al tempo stesso, però, tra me e Valentino c’è un’amicizia vera, forte, senza filtri. Sono convinto che non possa esserci staccata, carenata o sorpasso che vada a ledere il rapporto tra di noi. Io e lu questo lo sappiamo bene“. Il 26enne prova a immaginarsi tra dieci anni: “Ancora in moto a godermi il mio bellissimo sport. Non so dove, spero ad altissimo livello, ma mi vedo ancora bambino. Con quanti titoli in bacheca? Quello non lo so, lo scopriremo“.

Foto: Origo Valerio

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Alex Schwazer: “Sogno le Olimpiadi 2021. Combatto contro un’ingiustizia. I miei tempi…”

Sci alpino, Luca De Aliprandini: “Giravo un po’ troppo in salita, il distacco è importante”