MotoGP, Alessio Salucci su Valentino Rossi: “Avremo gli aggiornamenti tre gare dopo Vinales e Quartararo. Necessario tornare protagonisti”

Valentino Rossi ha salutato il Team Factory Yamaha per accettare una nuova sfida, cioè quella del Team Petronas. Sempre in sella a una M1 ufficiale il “Dottore” andrà in cerca di qualcosa di grande, perché il sogno del 10° titolo vive ancora dentro di lui. Sarà davvero possibile? Il partito degli scettici vanta sempre più iscrizioni e il 2020 ha rafforzato le argomentazioni della fazione citata. Un 15° posto finale a una vita dal campione del mondo Joan Mir rappresenta la cartina di tornasole di un’annata in cui il Covid-19 è stato il vero protagonista e anche lo stesso Valentino ne ha pagato le conseguenze, ricordando il doppio forfait ad Aragon (Spagna).

Si va dunque in nuovo team per trovare nuovi stimoli e capire se si è in grado di dar seguito al film, oppure se è meglio pensare ai titoli di coda. Le motivazioni per far bene ci sono, ma è chiaro che la convinzione nei propri mezzi si alimenta coi risultati. In questo momento in Yamaha c’è una situazione un po’ confusa. Non è un caso che il migliore della truppa di Iwata sia stato Franco Morbidelli, giunto secondo in campionato, il centauro su cui la scuderia giapponese ha creduto meno, tenuto conto del materiale a sua disposizione.

Tre gare dopo Vinales e Quartararo avremo le soluzioni che la Yamaha ci porterà. Cambierà poco niente, a meno che il prossimo anno non ci siano stravolgimenti. Ma in MotoGP non è così. E poi la Yamaha ci ha dato una moto Factory, vediamo di fare del nostro meglio. La nostra ambizione e divertirci, giocarci il podio, stare davanti, stare nei tre, nei cinque, e quindi provare a vincere qualche gara. Al titolo non ci pensiamo, ma dobbiamo tornare protagonisti“, le parole di Alessio Salucci, amico e collaboratore di una vita di Valentino, intervistato da gpone.com.

Per Rossi una M1 che è stata una sorta di enigma: “E’ una moto molto difficile. Tante cose complicate, l’usura delle gomme ecc. Però Morbidelli ha vinto delle gare, Quartararo anche. E’ stata una moto di riferimento. E penso anche la nostra, eravamo lì, cominciavamo a capire la retta via, se la trovi poi è un attimo“, le parole di Salucci, che quindi cerca di guardare il bicchiere mezzo pieno.

Ecco che il connubio tra il “Morbido” e Valentino potrebbe essere fruttuoso per entrambi: da un lato Rossi avrà uno stimolo di non poco conto come riferimento in pista; dall’altro Franco potrà giovare della grande esperienza del nuovo team-mate, forte dell’ottimo rapporto che hanno al di fuori della pista. E che secondo tempo sia allora, augurandoci che arrivino gli applausi nel momento in cui si metterà davvero la parola fine.

giandomenico.tiseo@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Boxe: Mario Alfano a caccia del titolo UE dei superpiuma contro Laamouz

Golf: rimonta Paratore, è settimo con Scalise a metà Dubai Championship 2020. Bene Laporta. Andy Sullivan guida il tris inglese