Ginnastica artistica, Europei 2020: chi parteciperà? Assenti Italia, Francia, Russia e tantissime big

Una rassegna continentale di Serie B, o addirittura di Serie C, visto il livello tecnico e agonistico che si preannuncia alla vigilia. Gli Europei 2020 di ginnastica artistica maschile, in programma a Mersin (Turchia) dal 9 al 13 dicembre, si preannunciano poco entusiasmanti e avvincenti, caratterizzati da una caratura modesta e dall’assenza di tantissime big internazionali. Lo stesso discorso vale per la kermesse femminile, prevista settimana prossima (17-20 dicembre) sempre in terra anatolica. L’emergenza sanitaria ha convinto moltissime Nazionali di riferimento a rinunciare alla partecipazione e a restare a casa, preferendo garantire l’incolumità dei propri atleti in vista degli appuntamenti del 2021 (Olimpiadi su tutte).

https://www.oasport.it/2020/12/live-ginnastica-artistica-europei-2020-in-diretta-finali-di-specialita-si-assegnano-le-medaglie/

La sfilza di rinunce giunte nelle ultime settimane è stata incredibile: Italia, Russia, Gran Bretagna, Francia, Germania, Olanda, Belgio, Spagna, Svizzera hanno deciso di chiamarsi fuori dall’appuntamento. Le stelle che scenderanno in pedana saranno dunque pochissime, si possono contare oggettivamente sulle dita di due mani: a fare le notizie sono più le assenze che le oggettive presenze, anche perché sono appena 127 gli iscritti (62 seniores, 65 juniores). Chi parteciperà? In sostanza soltanto Turchia, Ucraina, Israele e Romania hanno risposto alla chiamata, oltre a qualche altro individualista di Paesi di terza fascia a livello internazionale.

I nomi di lusso sono quelli del turco Ibrahim Colack (Campione del Mondo in carica agli anelli), del croato Tin Sbric (ex iridato alla sbarra), dell’infinito rumeno Marian Dragulescu (icona indiscussa dell’ultimo ventennio). E poi? Indubbiamente gli ucraini Petro Pakhniuk e Igor Radivilov si metteranno in mostra (la stella Oleg Verniaiev non si presenterà, come invece si era comunicato un paio di settimane fa), attenzione anche agli israeliani Artem Dolgopyat, Alexander Shatilov e Andrey Medvedev, oltre agli altri turchi Ferhat Arican e Ahmet Onder. Qualche altro specialista interessante come i croati Robert Seligman e Filip Ude, il cavallista sloveno Saso Bertoncelj, l’ungherese David Vecsernyes. Si incomincia oggi con le qualificazioni juniores, domani il turno preliminare dei seniores. Poi venerdì la finale all-around degli under 18, sabato l’atto conclusivo a squadre seniores, domenica le varie finali di specialità.

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Nikita Mazepin, video shock sui social. Il Team Haas: “Un’iniziativa ripugnante”

Basket, Luca Dalmonte si presenta da nuovo coach della Fortitudo: “Serviranno anima e cuore”