Seguici su

Formula 1

F1, solo tre giorni di test nel 2021 e regolamento quasi immutato. 23 gare di monologo Mercedes in vista

Pubblicato

il

Abu Dhabi sta ospitando in questi giorni l’ultimo weekend di gara stagionale del Mondiale di Formula 1 2020, ma con entrambi i titoli già assegnati (a Hamilton e Mercedes) ci si può proiettare in vista della prossima annata. Liberty Media ha pubblicato recentemente il calendario provvisorio del campionato 2021, formato da 23 tappe complessive a partire dal GP d’Australia del 19-21 marzo fino al GP di Abu Dhabi del 3-5 dicembre, mentre per quanto riguarda i test invernali è arrivata oggi la conferma della sede e delle date. I team avranno a disposizione una sola finestra di test collettivi pre-stagionali, in programma da martedì 2 a giovedì 4 marzo 2021 come di consueto sulla pista catalana del Montmelò, sede durante il Mondiale del GP di Spagna (nel 2021 si disputerà dal 7 al 9 maggio).

Test 2021 che vengono quindi dimezzati rispetto alla scorsa stagione, quando le scuderie potevano contare su due finestre per un totale di 6 giornate in pista. Si profilano dunque tre giornate molto intense e significative in quel di Barcellona, soprattutto per i rookie e per i piloti all’esordio con un nuovo team che devono quindi prendere confidenza con la vettura e con una metodologia di lavoro differente rispetto al passato. Ricordiamo che l’anno prossimo faranno il loro debutto in Formula 1 ben tre ragazzi: Yuki Tsunoda (3° in F2 nel 2020) in AlphaTauri, Mick Schumacher (campione F2 2020) e Nikita Mazepin (vice-campione F3 nel 2018, 5° in F2 nel 2020) in Haas.

Da segnalare anche il passaggio di Sebastian Vettel in Aston Martin, di Carlos Sainz in Ferrari e di Daniel Ricciardo in McLaren, oltre al ritorno dopo due anni nel circus di Fernando Alonso con Alpine (la Renault attuale). Mercedes sarà la grande beneficiaria di questa situazione dal punto di vista sportivo, potendo contare su un vantaggio tecnico di base molto evidente nei confronti della concorrenza. La casa di Stoccarda, anche alla luce del semi-congelamento dello sviluppo per il 2021, punta senza mezze misure all’ottavo trionfo consecutivo in entrambe le classifiche in attesa della rivoluzione regolamentare del 2022. Vedremo se Red Bull e Ferrari saranno in grado di colmare il gap per provare ad insidiare le Frecce Nere anche sulla lunga distanza di un Mondiale.

[sc name=”banner-article”]

erik.nicolaysen@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *