F1, risultato FP1 GP Abu Dhabi 2020: Max Verstappen il più veloce, Hamilton 5°. Le Ferrari fuori dalla top-10 fanno test aerodinamici

Primo turno di prove libere ad Abu Dhabi, sede dell’ultimo round del Mondiale 2020 di F1, significativo fino a un certo punto. Le monoposto hanno girato col sole e con temperature elevate, condizioni climatiche e di pista molto diverse da quelle che si incontreranno in vista delle qualifiche e della gara il cui via è previsto all’imbrunire, concludendosi sotto le luci artificiali della sera. Pertanto, la conseguente evoluzione della pista è un fattore da considerare durante la messa a punto delle vetture. In questo senso, il lavoro delle squadre dovrà essere molto attento e senza intoppi per arrivare al time-attack e alla corsa domenicale nel migliore dei modi.

Un circuito particolare quello di Yas Marina, da medio/alto carico aerodinamico. Oltre ad avere lunghi rettilinei, presenta numerose curve medio/lente dove è importante avere tanta downforce. Il layout del tracciato esalterà l’aerodinamica: le macchine dovranno essere efficaci nei due rettifili del secondo settore, riuscendo allo stesso tempo a generare velocità massime importanti, nonostante gli assetti carichi a livello aerodinamico. Mercedes dunque pronta a nuovo assolo? Vedremo. Di sicuro Max Verstappen (Red Bull) cercherà di rovinare la festa alle Frecce Nere. L’olandese è stato il pilota più veloce di questa prima sessione con il crono di 1’37″378 precedendo la Mercedes del finlandese Valtteri Bottas (+0″034) e la Renault del francese Esteban Ocon (+1″137). I tre piloti citati hanno ottenuto il loro miglior crono con le gomme soft. L’orange convincente anche nella simulazione del passo gara: 1’42”7, rispetto all’1’43” medio delle Mercedes.

A seguire troviamo l’altra Red Bull del thailandese Alexander Albon (+1″137), protagonista di un testacoda nel terzo settore senza conseguenze (curva-12), a precedere l’altra Mercedes di Lewis Hamilton (+1″366), che ha dovuto fare i conti in apertura di turno con un problema tecnico: criticità riguardante la pressione del pedale del freno, legata a un sensore. Non manca la curiosità per quanto concerne il britannico, tornato nel suo abitacolo dopo la positività al Covid-19 e la sostituzione con il connazionale George Russell (16° quest’oggi con la Williams).

A completare il quadro della top-10 ci sono le due Racing Point del canadese Lance Stroll (+1″453) e del messicano Sergio Perez (+1″578), che scatterà dal fondo della griglia per la sostituzione di motore endotermico, turbocompressore e MGU-H, le due AlphaTauri del russo Daniil Kvyat (+1″772) e del francese Pierre Gasly (+1″782) e l’Alfa Romeo del finlandese Kimi Raikkonen (+1″821).

La Ferrari ha concluso in dodicesima e quattordicesima posizione, rispettivamente con il monegasco Charles Leclerc (+1″966) e il tedesco Sebastian Vettel (+2″292). Entrambi i ferraristi hanno effettuato per buona parte della sessione dei test aerodinamici, con Charles che ha usato anche il fondo versione 2021. Da notare il casco celebrativo di Seb giunto alla sua ultima gara con i colori del Cavallino Rampante, ricordando il termine del rapporto alla fine di questo campionato.

Giova ricordare anche la presenza di Mick Schumacher al volante della Haas: il campione della F2 2020, figlio del grande Michael, ha concluso in 18ma posizione, terminando davanti al suo team-mate Pietro Fittipaldi, presente per sostituire il francese Romain Grosjean, infortunatosi dopo il terrificante incidente in Bahrain. Non ha girato in questo turno Antonio Giovinazzi, sostituito dal polacco Roberto Kubica che ha ottenuto il 15° tempo a 2″527 sull’Alfa Romeo. Nessun crono per l’australiano Daniel Ricciardo (Renault), costretto a fermarsi per un’avaria tecnica.

RISULTATI E CLASSIFICA FP1 GP ABU DHABI F1 2020

1 Max VERSTAPPEN Red Bull Racing1:37.378 6
2 Valtteri BOTTAS Mercedes+0.034 6
3 Esteban OCON Renault+1.137 5
4 Alexander ALBON Red Bull Racing+1.169 5
5 Lewis HAMILTON Mercedes+1.366 4
6 Lance STROLL Racing Point+1.453 4
7 Sergio PEREZ Racing Point+1.578 4
8 Daniil KVYAT AlphaTauri+1.772 4
9 Pierre GASLY AlphaTauri+1.782 5
10 Kimi RÄIKKÖNEN Alfa Romeo Racing+1.821 5
11 Carlos SAINZ McLaren+1.952 7
12 Charles LECLERC Ferrari+1.966 6
13 Lando NORRIS McLaren+1.974 7
14 Sebastian VETTEL Ferrari+2.292 3
15 Robert KUBICA Alfa Romeo Racing+2.527 4
16 George RUSSELL Williams+3.068 4
17 Nicholas LATIFI Williams+3.685 6
18 Mick SCHUMACHER Haas F1 Team+3.857 5
19 Pietro FITTIPALDI Haas F1 Team+6.691 3
20 Daniel RICCIARDO Renault– 2

giandomenico.tiseo@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Slittino, tutti gli italiani qualificati dalla Nations Cup a Oberhof. Firmati i nuovi record della pista

F1, perché Binotto non è ad Abu Dhabi? Mekies: “Non c’entra nulla con Camilleri” VIDEO