Cristiano Ronaldo miglior giocatore del secolo. CR7 batte Messi ai Globe Soccer Awards

Cristiano Ronaldo è il miglior giocatore del secolo. Questo è il verdetto che arriva dai Globe Soccer Awards, evento calcistico annuale, attualmente in corso di svolgimento a Dubai, negli Emirati Arabi.

Il portoghese della Juventus ha battuto la concorrenza – per il periodo 2001-2020 – del “rivale di sempre” Leo Messi e dell’egiziano del Liverpool Mohamed Salah: “Bello raggiungere tanti record. Non è facile per così tanti anni – precisa il lusitano rispondendo a una domanda relativa al record consecutivo di stagioni in gol fra i professionisti (unico calciatore ad andare a segno da 20 anni consecutivi) –  ma i numeri parlano da soli. Sono orgoglioso di questi traguardi ma senza grandi compagni, club e allenatori non sarebbe stato possibile”.

Giocare in stadi vuoti è noioso. Rispettiamo tutti i protocolli ma, sinceramente, questo è un altro sport. Lo faccio perché è la mia passione e per dovere professionale, ma non mi piace giocare in queste condizioni. Il pubblico mi motiva sempre, anche quando il tifo è contrario. La passione senza tifo è nulla”.

“È fantastico. Sono stato nominato anche tra i migliori 11 di sempre del Pallone d’oro. È un onore. La cosa bella è che mi diverto ancora, faccio sempre le stesse cose che facevo 20 anni fa. E ho una vita fantastica. Non inseguo i record, sono loro che inseguono me”.

GLI ALTRI PREMI 
Oltre a CR7, votato come “Calciatore del “Secolo”, ai Globe Soccer Awards sono stati assegnati i consueti premi annuali. Andiamo a vedere come sono andate le cose nella altre categorie.

Calciatore dell’anno: Robert Lewandoski (Bayern Monaco)
Allenatore dell’anno: Hansi Flick (Bayern Monaco)
Allenatore del secolo: Pep Guardiola (Barcellona-Bayern Monaco-Manchester City)
Agente dell’anno: Jorge Mendes
Club dell’anno: Bayern Monaco
Club del secolo: Real Madrid
Player Career Award: Gerard Piqué e Iker Casillas

Durante la cerimonia, è inoltre intervenuto il presidente della FIFA Gianni Infantino che si è così espresso sul 2020 e sulla voglia di ripartenza del calcio mondiale: È stato un anno di cui tutti ci ricorderemo di questa pandemia. Ci siamo resi conto di cosa è più importante del calcio. Non tutti ne eravamo consapevoli fino a quando non abbiamo visto che un virus ha messo in ginocchio un mondo intero. Dobbiamo ringraziare tutte quelle persone che hanno lottato, come i volontari e i dottori per salvare le nostre vite. Il calcio può mandare un messaggio di speranza, dopo essere stati in lockdown possiamo tornare a sperare. Il calcio sta dando speranza, sta giocando davanti a stadi vuoti, ma ci sono milioni che possono sperare di tornare alla normalità e tutti lavoriamo per riportare gli spettatori negli stadi”.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sci alpino, Marta Bassino prosegue nella sua rincorsa alla polivalenza ed ai Mondiali di Cortina

VIDEO Marco Belinelli segna il primo canestro con la Virtus Bologna: bella tripla contro l’Olimpia Milano