Ciclismo, i compagni di squadra di Fabio Aru alla Qhubeka-Assos. Domenico Pozzovivo e Giacomo Nizzolo, ma non solo

Dopo il salvataggio della NTT Pro Cycling da parte del nuovo sponsor svizzero ASSOS, che ha tramutato la formazione di Douglas Ryder in Team Qhubeka ASSOS, la compagine sudafricana è stata al centro della campagna acquisti 2021 con numerosi cambiamenti tra entrate ed uscite. Sicuramente l’ingaggio che ha fatto più notizia è stato quello di Fabio Aru, che raggiungerà così altri tre azzurri, i riconfermati Giacomo Nizzolo, campione europeo e italiano in carica, Domenico Pozzovivo, e il neo arrivato Matteo Pelucchi.

Quella di Aru è stata una scelta decisamente importante per i suoi 30 anni dopo più di tre stagioni da dimenticare. Serviva una svolta ed è arrivata. Molto probabilmente questa sarà l’ultima occasione per rilanciare una carriera che era partita in modo trionfale, ma che poi a mano a mano è andata ad assestarsi verso il basso. La scelta è stata quella di rimanere nel massimo circuito internazionale e riscattarsi nei suoi amati grandi giri che lo hanno lanciato fin da subito alla ribalta.

Domenico Pozzovivo invece, è reduce da un Giro d’Italia positivo dopo un 2019 e un inizio 2020 tremendamente difficili dove un incidente in allenamento ha rischiato di metterlo fuori gioco per sempre. Ma il lucano non si è lasciato prendere dallo sconforto per poi chiudere la stagione all’altezza dei tempi migliori. Mentre in questo 2020 Giacomo Nizzolo ha trovato il riscatto tanto cercato coronando due sogni forse inaspettati, quelli della maglia di campione d’Italia e poi, soprattutto, quella di campione d’Europa. Al suo fianco, per un 2021 nuovamente stellare, il brianzolo verrà affiancato dal suo amico e conterraneo Matteo Pelucchi.

Un nuovo velocista che si aggiunge oltre al danese Lasse Norman Hansen, altro ottimo sprinter per la squadra, come il suo connazionale, e neo professionista, Emil Vinjebo. Tra i nuovi arrivi che hanno fatto il salto di qualità ci sono altri due velocisti, lo svizzero Mauro Schmid e il neo zelandese di origini sudafricane Connor Brown. Tra i diciassette ingaggi troviamo anche Simon Clarke, che sarà in grado di giocarsi le proprie opportunità di successo lanciandosi all’attacco, Dimitri Claeys, corridore di punta per le classiche, Kilian Frankiny, che con le sue eccellenti capacità da scalatore cercherà di fare il passo successivo nella sua carriera, e Harry Tanfield, uomo propedeutico per gli sprint sì, ma anche e soprattutto per le cronometro.

Dopo il salvataggio in extremis della squadra sudafricana, sono arrivati anche il polacco Lukasz Wisniowski, un’aggiunta per le corse di un giorno, lo statunitense Sean Bennett, un uomo abbastanza completo, e un neoprofessionista decisamente talentuoso come il ceco Karel Vacek. Inoltre è arrivato anche il colombiano Sergio Henao, che porterà molta esperienza in squadra, soprattutto con le sue grandi doti di scalatore, ma anche l’australiano Robert Power e il neerlandese Bert-Jan Lindeman. Il primo è un corridore adatto a corse in linea dal percorso vallonato. Lindeman, invece, è un passista molto affine alle tappe dei grandi giri, come del resto anche il belga Sander Armée. 

Coloro che avevano già un contratto per il 2021, oltre al già citato Pozzovivo, sono Victor Campenaerts, reduce da un 2020 non al top senza i risultati sperati, come del resto Max Walscheid, Reinardt Janse van Rensburg, o Michael Gogl. Per gli sprint, accanto a Nizzolo, ci sarà anche Carlos Barbero. Mentre Nic Dlamini, è uno dei giovani di belle speranze del Sudafrica per le brevi corse a tappe. Tra gli altri rinnovi abbiamo quelli di Dylan Sunderland e Andreas Stokbro.

IL ROSTER COMPLETO DELLA QHUBEKA ASSOS 2021

1. Sander Armée (Belgio)
2. Fabio Aru (Italia)
3. Carlos Barbero (Spagna)
4. Sean Bennett (USA)
5. Connor Brown (Sudafrica/Nuova Zelanda)
6. Victor Campenaerts (Belgio)
7. Dimitri Claeys (Belgio)
8. Simon Clarke (Australia)
9. Nicholas Dlamini (Sudafrica)
10. Kilian Frankiny (Svizzera)
11. Michael Gogl (Austria)
12. Lasse Norman Hansen (Danimarca)
13. Sergio Henao (Colombia)
14. Reinardt Janse van Rensburg (Sudafrica)
15. Bert-Jan Lindeman (Paesi Bassi)
16. Giacomo Nizzolo (Italia)
17. Matteo Pelucchi (Italia)
18. Robert Power (Australia)
19. Domenico Pozzovivo (Italia)
20. Mauro Schmid (Svizzera)
21. Andreas Stokbro (Danimarca)
22. Dylan Sunderland (Australia)
23. Harry Tanfield (Gran Bretagna)
24. Karel Vacek (Repubblica Ceca)
25. Emil Vinjebo (Danimarca)
26. Max Walscheid (Germania)
27. Łukasz Wiśniowski (Polonia)

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, Roger Federer rinuncerà agli Australian Open 2021? Lo svizzero potrebbe privilegiare gli altri Slam

Biathlon, Coppa del Mondo Hochfilzen 2020: Roeiseland fa paura, Wierer e Vittozzi in crescita. Johannes Boe e la maledizione del 50° successo