Boxe, Anthony Joshua: “Contro Pulev sarà un last man standing. Vincerà l’ultimo che resterà in piedi”

Conferenza stampa come sempre molto accesa alla vigilia di un match di boxe, a maggior ragione se si tratta dell’incontro più importante dell’anno. Anthony Joshua e Kubrat Pulev si affronteranno sabato 12 dicembre (attorno alle ore 23.00-00.00 italiane) alla SSE Arena di Londra. I due pugili si fronteggeranno per il Mondiale WBA, WBO, IBF, IBO dei pesi massimi: il britannico sarà chiamato a difendere le sue cinture, lo farò sul suolo natale anche se non ci sarà il pubblico delle grandi occasioni a causa dell’emergenza sanitaria. Il ribattezzato AJ tornerà sul ring a distanza di un anno dalla trionfale Clash on the Dunes e incrocerà i guantoni con l’arcigno bulgaro, avversario particolarmente insidioso che andrà preso con le pinze.

Guarda in streaming live Joshua-Pulev su DAZN

Il 31enne nativo di Watford partirà con i favori del pronostico, ma contro il rinominato Cobra può succedere davvero di tutto e l’iridato in carica vuole assolutamente evitare di essere sorpreso come gli successe il 1° giugno 2019 contro il messicano Andy Ruiz Jr. Anthony Joshua è parso particolarmente motivato e in forma, in vista della cerimonia del peso di domani e dell’incontro di sabato sera. Parole come sempre misurate e ben pensate da parte del padrone di casa, il quale non si lascia mai andare a dichiarazioni eccessive ed è ben lontano dall’essere uno spaccone, sia sul ring che fuori dal quadrato.

Il Campione del Mondo è stato molto incisivo con poche parole: “Sarò sicuramente colpito e lo sarò anche lui. Vincerà l’ultimo uomo che resterà in piedi“. Il britannico pensa dunque a un match con finale prima del limite, una vittoria per ko e non ai punti. Il Campione Olimpico di Londra 2012 (otto anni a trionfò proprio alla SSE Arena sconfiggendo, con verdetto discutibile, il nostro Roberto Cammarelle) ha poi proseguito: “Sono stato colpito duramente dagli uomini più forti più volte e sono ancora qui. Non penso che una sconfitta contro Ruiz mi abbia cambiato” (tra l’altro il ko di 18 mesi è stato già riscattato il 7 dicembre 2019, quando si impose in Arabia Saudita riprendendosi le cinture).

LE DICHIARAZIONI DI KUBRAT PULEV

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Anthony Joshua Kubrat Pulev

ultimo aggiornamento: 10-12-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket: Alessandro Gentile rinnova con l’Estudiantes fino a fine stagione

Calcio: Paolo Rossi, un campione che nella sua normalità ha regalato un sogno