Pattinaggio artistico: Cheng Peng-Yang Jin vincono sul velluto la gara delle coppie alla Cup Of China 2020

Con la vittoria nelle coppie di Cheng Peng-Yang Chin si è conclusa ufficialmente la Cup Of China 2020, secondo appuntamento dell’anomalo circuito Grand Prix 2020-2021 di pattinaggio artistico andata in scena questo fine settimana presso l’Hauxi Culture and Sport Center di Chongqing (Cina).

Gli atleti secondi classificati nell’ultima edizione dei Four Continents hanno confermato la leadership del segmento di gara più corto confezionando una performance positiva riducendo le sbavature ai minimi termini: eccezion fatta per un errore nel triplo toeloop, sbagliato come nello short dalla dama, gli assi di casa hanno infatti ben realizzato elementi d’insieme di qualità come i due lanciati, triplo rittberger e il triplo salchow,  e i tre sollevamenti reverse lasso, axel lasso e del gruppo tre (assegnati di livello 4) ricevendo valutazioni elevate in termini di grado di esecuzione che hanno spinto la coppia a 148.28 (74.42, 73.86) per 223.90 totali.

A più di 48 lunghezze di distanza si sono piazzati al secondo posto Yuchen Wang-Yihang Huang, pattinatori in crescita dal discreto potenziale oggi fermati da due cadute nel salchow in parallelo, ruotato doppio, e nel triplo rittberger lanciato, imprecisioni con cui sono riusciti a difendersi senza particolari patemi, grazie al punteggio di 111.84 (55.98, 57.86) per 175.40, dai decisamente più acerbi Daizifei Zhu-Yuhang Liu, terzi con 86.00 (41.46, 46.54) per 140.37.

Il prossimo appuntamento della serie è previsto dal 20 al 22 novembre presso la MegaSport Arena di Mosca (Russia), sede della Rostelecom Cup.

CLASSIFICA FINALE COPPIE D’ARTISTICO

1 Cheng PENG / Yang JIN CHN 223.90 1 1
2 Yuchen WANG / Yihang HUANG CHN 175.40 2 2
3 Daizifei ZHU / Yuhang LIU CHN 140.37 3 3

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI PATTINAGGIO ARTISTICO

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Gianni Savio: “Fabio Aru non correrà con la Sidermec. Se avessi il budget…”

Calcio: Real Madrid, Hazard e Casemiro positivi al Covid-19, negativi tutti gli altri testati