MotoGP, Joan Mir: “Il primo avversario nel 2021 sarà Marc Marquez. Dobbiamo fare più pole e vincere più gare per lottare con lui”

Joan Mir, Campione del Mondo MotoGP 2020, ha concluso pochi giorni fa la stagione più bella e importante della sua carriera, ma sembra già proiettato all’anno prossimo in cui dovrà difendere il titolo. Lo spagnolo della Suzuki, protagonista di un 2020 strepitoso, ha conquistato il suo secondo titolo assoluto nel Motomondiale (dopo il trionfo del 2017 in Moto3) ed è pronto adesso ad affrontare il prossimo Mondiale da campione in carica della classe regina. Un 2021 in cui però Mir, come tutti gli altri, dovranno vedersela nuovamente con il dominatore Marc Marquez, costretto a saltare di fatto tutto il campionato 2020 a causa di una frattura all’omero che continua tutt’oggi a perseguitarlo.

Il primo avversario sarà Marc Marquez – dice Mir, nel corso di un evento andato in scena oggi a Madrid – Marc tornerà, quindi avremo il rivale che ha vinto negli ultimi otto anni e che è stato il più veloce, quindi sarà bello. Non vedo l’ora. Spero che l’anno prossimo non ci saranno sei o dieci rivali diretti. Il mio compagno (Alex Rins, ndr), Fabio (Quartararo), Maverick (Vinales) e le Ducati, perché i nuovi piloti Ducati saranno veloci. E le KTM. Non vorrei dimenticare nessuno come hanno fatto con me“.

Vincere un campionato del mondo è molto buono, ma la cosa negativa è la pressione che ci sarà il prossimo anno prosegue il maiorchino classe 1997 – Da un lato, un po’ te la togli perché ha già vinto, ma dall’altro si aggiunge quella di iniziare la stagione da favorito. Non so come farò a gestirla, perché non l’ho mai sperimentata prima e scoprirò se ci riesco. Credo che la pressione mi aiuterà e che mi possa fare bene. Inizierò in modo diverso. In queste circostanze mi sono visto molto forte e sono riuscito a gestirlo bene. Ma il prossimo anno ci sarà uno scenario diverso e questo mi motiva”.

Mi dà più fiducia perché quest’anno ho potuto dimostrare che abbiamo vinto e siamo competitivi. Ma sappiamo che il pacchetto Honda-Marc è stato molto veloce negli ultimi anni. Per competere nel Mondiale contro una coppia del genere dobbiamo essere ancora più veloci e rendere il nostro pacchetto un po’ più competitivo. Per continuare a vincere, dobbiamo fare più pole e ottenere più vittorie se dobbiamo combattere contro Marc“, conclude l’alfiere della Suzuki.

erik.nicolaysen@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Joan Mir Mondiale MotoGP 2021 Motomondiale 2021

ultimo aggiornamento: 25-11-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio, Europa League 2020-2021: il Milan cerca la rivincita contro il Lilla. Roma e Napoli a caccia del primato in solitaria

Boxe, chi è Roy Jones? Campione del mondo in tutte le categorie dai medi ai massimi. Il record di vittorie e sconfitte