Judo, Europei 2020: Alice Bellandi mai doma deve arrendersi in semifinale a Margaux Pinot. Si giocherà il bronzo continentale

Una sconfitta è una sconfitta, ma l’onore le deve essere riconosciuto. Alice Bellandi, campionessa del mondo juniores nel 2018, era attesa a una prova di maturità a livello seniores e negli Europei 2020 a Praga (Repubblica Ceca) di judo ha fatto vedere grandi cose. L’azzurra ha lottato con onore e qualità, battendo nell’ordine la spagnola Tsunoda, la portoghese Barbara Timo e la slovena Pogacnik, mettendo sul tatami della O2 Arena tanta determinazione e qualità.

Nel penultimo atto, la classe ’98 del Bel Paese doveva affrontare la formidabile francese Margaux Pinot, n.2 del ranking mondiale, che, giova ricordarlo, non sarà a Tokyo 2021 perché la n.1 è la connazionale Maria Eve Gahie, anch’ella in semifinale ed opposta all’olandese Sanne Van Dijke. Match quest’ultimo che ha sorriso alla tulipana. Ebbene, Bellandi ha messo tutto quello che aveva contro un’avversaria, campionessa d’Europa in carica e vittoriosa nell’unico precedente con l’azzurra nel 2017.

Grande intensità nel confronto, con la transalpina che ha tentato di mettere sotto pressione l’italiana, brava però a essere sempre molto attenta. Una sfida che si è decisa al termine di un lungo Golden Score e in cui un waza-ari, c’è da dire, un po’ discutibile è stato giudicato valido dalla giuria. Sarà dunque sfida per il bronzo e la sfidante sarà la russa Madina Taimazova (n.35 del mondo), argento iridato a livello juniores l’anno scorso e atleta da prendere con le molle. Il piazzamento, sul podio, sarebbe importante non solo per il risultato in sé, ma anche per i punti in chiave olimpica che ne conseguirebbero, consentendo ad Alice di tornare nel roster di chi può staccare il biglietto per i Giochi.

giandomenico.tiseo@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: IJF

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Alice Bellandi Europei Judo 2020 Margaux Pinot

ultimo aggiornamento: 20-11-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Achille Polonara: “Scegliere l’Eurolega è stata una nuova sfida. Oggi ho più fiducia da parte del club”

Moto3, GP Portogallo 2020: Arenas davanti a tutti in FP2. Tony Arbolino 8°, Ogura 9°