Ginnastica ritmica, Europei 2020: Azerbaijan avanti a metà gara nei gruppi. Assenti Italia, Russia e tante big

A Kiev (Ucraina) sono incominciati gli Europei 2020 di ginnastica ritmica. Si tratta di una rassegna continentale di Serie B, visto che moltissime Nazioni di riferimento e tantissime big hanno deciso di non partecipare all’evento a causa dell’emergenza sanitaria. Ad esempio le quotatissime Italia, Russia, Bulgaria, Bielorussia e Spagna non si sono presentate ai nastri di partenza e la gara per i gruppi seniores è di oggettivamente scarso livello, con appena sei squadre in pedana.

Oggi è andato in scena l’esercizio con le 5 palle, dove l’Azerbaijan ha firmato il miglior punteggio (34.600), prevalendo nei confronti di Israele (34.100) e della deludente Ucraina, fermatasi a 32.000 proprio come l’Estonia. Domani spazio alla prova mista (3 cerchi e 4 clavette), al termine della quale si assegneranno le medaglie del concorso generale (unica gara presente anche alle Olimpiadi, sabato si disputeranno le Finali di Specialità).

In mattinata hanno gareggiato le atlete juniores. L’ucraina Karina Sydorak è stata la migliore alla fune (21.500) davanti alla bielorussa Dina Agisheva (21.350) e alla bulgara Eva Brezalieva (21.100), mentre l’israeliana Daria Atamanov e l’ucraina Polina Karika si sono distinte alla palla (22.650) prevalendo sull’ucraina Melaniia Tur (22.450). Agisheva è in testa alla classifica generale con 43.050 davanti ad Atamanov (42.825). Domani gli esercizi alle clavette e al nastro per definire il podio del concorso generale individuale delle più giovani (domenica toccherà alle seniores, senza però le fortissime gemelle russe Dina Averina e Arina Averina, assenti anche le nostre Milena Baldassarri e Alexandra Agiurgiuculese).

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Renzo Brico

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Europei ginnastica ritmica 2020

ultimo aggiornamento: 26-11-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket: Marco Belinelli-Virtus Bologna, triennale in arrivo con la società che l’ha lanciato in Serie A

Motocross, Mondiale MX2 2021: Mattia Guadagnini in sella alla KTM nello stesso team di Tony Cairoli in MXGP