Ciclismo su pista, Europei 2020: le speranze di medaglia dell’Italia. Il Bel Paese si appoggia alla nazionale femminile

L’Italia, agli Europei di ciclismo su pista che inizieranno domani a Plodviv, in Bulgaria, dovrà operare un massiccio turnover. Non saranno della partita, infatti, Letizia Paternoster, che si è da poco lasciata alle spalle un brutto infortunio, Maria Giulia Confalonieri, Marta Cavalli, Davide Plebani, Elia Viviani e Simone Consonni. A causa del Covid, inoltre, hanno dovuto rinunciare all’ultimo a far parte della spedizione anche Filippo Ganna, Liam Bertazzo e Michele Scartezzini. Dato che nazionali di spicco come Danimarca, Belgio, Paesi Bassi e Francia, tuttavia, non parteciperanno, il Bel Paese spera comunque di poter fare incetta di medaglie.

Tra le donne, l’Italia vanta una profondità tale da poter fare a meno anche di pezzi importantissimi come le ragazze sopraccitate. Le azzurre hanno buonissime chance di medaglia con un’Elisa Balsamo in formissima, fresca vincitrice, su strada, della terza tappa della Madrid Challenge, nell’Omnium e nella Madison. Specialità, quest’ultima, ove, tra l’altro, Balsamo è anche bronzo iridato in carica. Ad affiancare Elisa nell’Americana, ad ogni modo, stavolta non ci sarà Letizia Paternoster, ma Vittoria Guazzini.

Le azzurre puntano al podio anche nello Scratch con Martina Fidanza, che in questa disciplina ha vinto il titolo iridato tra le U23 e la Coppa del Mondo nella stagione 2018/2019, nell’eliminazione con Rachele Barbieri, nel chilometro da fermo con Miriam Vece, già bronzo nella specialità a Febbraio ai Mondiali, e, ovviamente, nell’inseguimento a squadre (faranno parte del quartetto Balsamo, Guazzini, Chiara Consonni, Silvia Valsecchi e Martina Alzini). C’è molta curiosità, inoltre, per la giovanissima Silvia Zanardi che prenderà il posto di Maria Giulia Confalonieri nella Corsa a Punti. Confalonieri ha trionfato nelle ultime due rassegne continentali di questa disciplina e non farla rimpiangere non sarà facile, ma Zanardi ha un grande talento e proprio nella corsa a punti ha conquistato il titolo Europeo tra le U23 poche settimane fa.

La situazione tra gli uomini è decisamente diversa. L’unica certezza rimasta, a causa di tutte le defezioni, è Jonathan Milan, il quale va a caccia di una medaglia nell’inseguimento individuale dopo aver fatto quarto, a febbraio, nei Mondiali di specialità. Logica vuole che sia uno dei favoritissimi, ma agli Europei U23 si è fermato alle semifinali e, dunque, considerata la giovane età, è meglio evitare di caricarlo di pressione.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dove correrà Fabio Aru nel 2021? Il futuro del Cavaliere, tra dubbi e poche certezze: quali squadre interessate?

F1, Toto Wolff rimarrà Team Principal della Mercedes? Si va verso una conferma