Ciclismo, l’Israel Start-Up Nation chiude il roster 2021 e annuncia il primo training camp

Quest’oggi la Israel Start-Up Nation ha annunciato di aver completato la composizione del suo roster per la stagione 2021. 32 corridori dall’Israele e da altri sedici paesi hanno firmato per la prossima annata, inclusi nove nuovi corridori guidati dal quattro volte vincitore del Tour de France Chris Froome. La squadra prevede di arrivare in Israele a gennaio per il suo primo training camp in vista della ripresa stagionale. Il team ha completato la sua rosa con il rinnovo di contratto per due anni del canadese Guillaume Boivin e dello svizzero Reto Hollenstein.

“Nonostante la pandemia da Covid-19, la Israel Start-Up Nation ha avuto una buona stagione inaugurale nel WorldTour. Ci siamo assicurati le nostre prime vittorie di questo livello, comprese due tappe nei grandi giri”, ha affermato nel comunicato stampa della squadra il comproprietario del team Sylvan Adams, che ha poi proseguito: “La nostra formazione per il prossimo anno è notevolmente migliorata, ma mantiene unito il gruppo principale. Abbiamo in programma di essere estremamente competitivi nelle gare più importanti, inclusi grandi giri e classiche monumento. Il nostro training camp pre-stagionale offrirà l’opportunità di riunire tutti i corridori e creare ulteriori legami. Ci aspettano tempi entusiasmanti”.

Negli ultimi anni, la squadra ha mantenuto una tradizione, ossia quella del ritiro pre-stagionale in Israele. Approfittando del clima invernale tipicamente confortevole del paese, il raduno sarà anche un’opportunità per sottolineare le radici israeliane della squadra e la sua visione di promuovere il Paese come destinazione ciclistica. Sebbene la crisi conseguita alla pandemia da Coronavirus renderà più complicato l’incontro, il team è determinato a fare tutto il possibile per mantenere il training camp di dieci giorni, che includerà attività di gruppo e un tour del Paese.

“Ci consideriamo ambasciatori di Israele e siamo fiduciosi di poter affrontare il raduno e garantire la salute e la sicurezza dei nostri corridori e del nostro personale”, ha affermato Ido Shavit, il nuovo CEO della Israel Cycling Academy. Mentre il team manager Kjell Carlstrom, che è forza principale dietro la costruzione del roster, ha espresso la sua soddisfazione per la formazione assemblata: “Sarà affascinante vedere come potremo comportarci bene contro le grandi squadre già affermate. Abbiamo una rosa equilibrata nel senso che possiamo ottenere risultati in tutti i tipi di gare, ma le nostre migliori possibilità saranno nelle gare a tappe. Siamo ancora un passo indietro per le vittorie nella classifica, ma possiamo essere nel mix per i podi della generale. Nelle prossime settimane ci siederemo e stabiliremo un piano d’azione per questo”. Carlstrom ha rivelato che dal 12 dicembre si terrà Girona una riunione dei direttori della squadra per poter discutere di strategia, tattica, atleti e programmi di gara.

Quest’ultimo ha anche espresso la sua gioia per le estensioni di contratto di Boivin e Hollenstein, sottolineando che “Guillaume ha lavorato instancabilmente per altri corridori durante l’anno. È un importante compagno di squadra in diversi tipi di gare e sarà parte integrante della struttura di supporto del team il prossimo anno. Reto ha costantemente dimostrato il suo eccellente lavoro di squadra durante tutto l’anno e porta molta esperienza. Allo stesso tempo, mostra un impegno e una motivazione colossali per continuare ad essere un perfetto compagno di squadra – questo è molto prezioso per qualsiasi formazione”.

Guillaume Boivin, che è stato una pietra miliare della squadra da quando è arrivato nel 2017, ha dichiarato: “Ho fatto parte della squadra quasi dall’inizio. Sono sbalordito dai passi da gigante che abbiamo fatto ogni anno e sono molto entusiasta di ritrovare il mio buon amico e collega canadese Mike Woods. Spero di poter correre con lui e sostenerlo verso il successo. Abbiamo così tanti nuovi arrivati per una squadra già forte per il 2021. Sembra che parteciperemo a tutte le nostre gare con forti ambizioni. Naturalmente, Chris Froome porterà la squadra a un altro livello per i grandi giri. Con Dan Martin e Chris, possiamo aspettarci dei fuochi d’artificio. Penso che le mie abilità saranno preziose per fare il lavoro sporco per quei ragazzi. Immagino che le classiche saranno una parte importante della mia stagione e con Sep Vanmarcke, abbiamo un vero leader con cui andare a battagliare. Ci saranno tante cose eccitanti per il prossimo anno, ed è giunta l’ora di lavorare duramente!”. 

In conclusione, Reto Hollenstein si è unito al team lo scorso anno dopo la sua esperienza in Katusha, e ha affermato: “È stato un anno impegnativo con la situazione attuale che stiamo vivendo, ma non ho mai perso la concentrazione e ho continuato a combattere. Sono super felice di far ancora parte di questa squadra. Sono entusiasta per la prossima stagione, di correre con una squadra forte e di guadagnarci dall’esperienza di Chris Froome. Sono pronto a fare ciò che sarà necessario per poter aiutare”.

Organico Israel Start-Up Nation 2021

BARBIER Rudy
BERWICK Sebastian
BEVIN Patrick
BIERMANS Jenthe
BOIVIN Guillaume
BRÄNDLE Matthias
CATAFORD Alexander
CIMOLAI Davide
DE MARCHI Alessandro
DOWSETT Alex
EINHORN Itamar
FROOME Chris
GOLDSTEIN Omer
GREIPEL André
HAGEN Carl Fredrik
HERMANS Ben
HOFSTETTER Hugo
HOLLENSTEIN Reto
IMPEY Daryl
JONES Taj
MARTIN Dan
NEILANDS Krists
NIV Guy
PICCOLI James
RENARD Alexis
SAGIV Guy
VAHTRA Norman
VAN ASBROECK Tom
VANMARCKE Sep
WOODS Michael
WÜRTZ SCHMIDT Mads
ZABEL Rick

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Twitter: @lisa_guadagnini

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto:

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket, Meo Sacchetti: “Mi dispiace non aver potuto giocare con la Macedonia, avrei voluto dare più minutaggio a tutti”

Ciclismo, Jacopo Guarnieri rischia grosso in allenamento: “Io esisto sulla strada e voglio sentirmi sicuro”