Ciclismo, la NTT vede la luce in fondo al tunnel: in arrivo un nuovo sponsor per salvare il 2021

Dopo mesi di angoscia, sembra quasi che la sudafricana NTT Pro Cycling possa riuscire a mantenere un posto in gruppo anche per la prossima stagione. Secondo Het Nieuwsblad infatti, il Team Principal della squadra Douglas Ryder, continua a ribadire le sue speranze per la sopravvivenza della sua formazione, sebbene i due sponsor principali, ossia la giapponese NTT e il co-sponsor Alcatel, si siano dimessi. Diverse fonti riferiscono che Ryder abbia uno sponsor con un budget di otto milioni di euro.

Non è un caso che la notizia arrivi a pochi giorni dalla partenza del Team Manager Bjarne Riis. Il 56enne danese lavorava per la NTT da gennaio, e ha anche rinunciato alle trattative per rilevare la quota della società di gestione del manager sudafricano. Ma in tutto ciò, è anche vero che, al momento, salvo decisioni personali, non è da escludere la continuazione in squadra da parte degli azzurri Domenico Pozzovivo, già corteggiato dalla EOLO-Kometa, Matteo Sobrero, e Samuele Battistella, entrambi molto richiesti dall’Astana. Invece, è ancora in dubbio il rinnovo da parte di Giacomo Nizzolo, come del resto quelli di Julien Vermote, Dimitri Claeys, Sander Armée, Laurens De Vreese e Guillaume Van Keirsbulck. Tra gli altri stranieri invece, proseguiranno la loro avventura Victor Campenaerts e Max Walscheid. 

Dal momento che Ryder ha mantenuto la sua licenza World Tour fino alla fine del 2022, nonostante la mancanza di garanzie bancarie, il suo team potrà rimanere nella massima categoria, ma sottoponendosi alle necessarie procedure di emergenza. Quindi non è neanche da escludere un possibile salvataggio in corner, e la richiesta della formazione in merito ad una licenza Professional per salvare il salvabile. In ultima battuta ricordiamo che alcuni corridori hanno già preso strade diverse: Michael Valgren con la EF Pro Cycling, Ben O’Connor con l’AG2R la Mondiale, mentre Edvald Boasson Hagen è sempre più vicino alla Total – Direct Energie.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Twitter: @lisa_guadagnini

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, EOLO-Kometa sempre più azzurra! Dopo Belletti arrivano Pacioni, Albanese e Rivi

Ginnastica artistica, Serie A: Bollate rinuncia alla Final Six Scudetto a causa della quarantena