Seguici su

Ciclismo

Ciclismo, Gianni Savio: “Fabio Aru non correrà con la Sidermec. Se avessi il budget…”

Pubblicato

il

Fabio Aru è il nome più chiacchierato di questo Ciclomercato. Al momento non si sa ancora per chi correrà il Cavaliere dei Quattro Mori nella prossima stagione: si era parlato del possibile interessamento della Eolo Kometa di Ivan Basso e Alberto Contador, si era vociferato dell’avvicinamento da parte di un paio di squadre World Tour e attualmente sembra molto calda la pista che lo porterebbe alla Gazprom.

Nel recente passato sembrava che Gianni Savio fosse interessato al ciclista sardo, ma è stato proprio il boss della Sidermec a chiarire la situazione ai microfoni di Cyclingnews: “Avremo venti corridori in squadra il prossimo anno e faremo alcuni annunci settimana prossima, ma non ci sarà Fabio Aru. Ho parlato con lui, ma sarebbe stata un’operazione possibile soltanto se avessi trovato un grande sponsor. Noi abbiamo la disponibilità economica per una formazione di venti giovani ciclisti, ma non abbiamo assolutamente il budget per avere un leader come Fabio Aru. Non so dove andrà, abbiamo parlato circa un mese fa e non ne ho idea“.

Gianni Savio è ancora alla ricerca di alcuni sponsor, nel 2020 ha corso col nome di Androni Giocattoli-Sidermec e il quadro per la prossima stagione deve ancora definirsi. “Per il momento ci siamo presentati soltanto come Sidermerc, ma stiamo discutendo con la Androni e altri due sponsor: tutto si definirà prima del 15 novembre. Abbiamo presentato tutta la documentazione necessaria all’UCI e voglio continuare con la nostra filosofia di fare crescere i giovani. Posso dire che tutti i ragazzi che hanno corso il Giro d’Italia con noi saranno ancora con la nostra squadra nel 2021“.

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *