Biathlon, Linda Zingerle in corsa per il premio “Piotr Nurowski” come miglior giovane atleta europea degli sport invernali

Dopo la notizia dell’arruolamento nel Gruppo sportivo delle Fiamme Gialle, la biathleta azzurra Linda Zingerle è candidata tra i migliori giovani atleti europei. La sudtirolese classe 2002, come riportato dal CONI e da Olimpopress, è in corsa per il premio “Piotr Nurowski” che i Comitati Olimpici Europei assegnano ogni anno al Miglior giovane atleta del continente.

Una famiglia amante del biathlon dato che Linda è figlia d’arte: il papà Andreas Zingerle è infatti il tecnico responsabile della squadra A e da atleta vinse un bronzo olimpico nel biathlon a Calgary 1988, inoltre il fratello David fa parte come lei della squadra juniores nazionale.

Una stagione memorabile per Zingerle che ha conquistato la medaglia d’oro nella sprint dei Campionati Mondiali youth di Lenzerheide, bronzo nell’inseguimento e argento nella staffetta femminile. In precedenza, ai Giochi Olimpici Giovanili di Losanna 2020, fu oro nella staffetta mista e argento nella single mixed. A contenderle il premio “Piotr Nurowski” ci sono altri quattro prospetti molto interessanti: l’austriaca Lisa-Marie Hirner (combinata nordica), il ceco Matej Svancer (Freestyle) e due slittinisti: la tedesca Jessica Degenhardt ed il lettone Gints Berzins.

La scelta del vincitore del premio, dedicato all’ex tennista e presidente del Comitato Olimpico polacco e nato per esaltare i valori olimpici nei giovani atleti, avverrà nel corso dell’Assemblea Generale che si svolgerà il 27 novembre in videoconferenza.

“Sarei molto onorata e felice di vincerlo ma ci sono diversi giovani atleti che lo meritano”. 

Il Premio, ideato nel 2011 e assegnato dal 2016 anche nell’edizione invernale, è stato vinto nel 2017 dalla ciclista Letizia Paternoster e, tre anni prima, dal nuotatore Simone Sabbioni, mentre la versione dedicata alle discipline invernali non è stata mai ancora conquistata da un giovane azzurro dell’Italia Team.

nicolo.persico@oasport.it

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina “Il biathlon azzurro”

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
linda zingerle

ultimo aggiornamento: 16-11-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo su pista, una super Italia agli Europei anche senza Filippo Ganna! Che risposte verso le Olimpiadi!

MotoGP, Franco Morbidelli può puntare al Mondiale 2021. Con un compagno speciale: Valentino Rossi