Rally Sardegna 2020, Dani Sordo vince davanti a Neuville. Ogier completa il podio, Evans 4° conserva la vetta mondiale

E’ dello spagnolo Dani Sordo il rally di Sardegna 2020, sesto round del Mondiale, regalando alla Hyundai la terza vittoria di questo campionato. A completare la festa in casa coreana è arrivato il secondo posto del belga Thierry Neuville (+5.1). Terza piazza per il francese della Toyota Sebastien Ogier (+6.1).

Una prestazione autorevole quella dell’iberico, che concede il bis se si pensa al successo dell’anno scorso, seppur dal sapore diverso. 12 mesi fa furono i problemi tecnici dell’estone Ott Tanak a favorirlo, in questo caso invece si parla di una velocità indiscussa fin dal venerdì, quando è stato abile a sfruttare la posizione favorevole al via delle speciali, mettendo insieme un gap importante. Un piccolo brivido oggi c’è stato dal momento che Sordo ha perso 12″1 da Ogier nella sola PS13, vedendo ridotto sensibilmente il proprio margine.

La reazione dell’iberico è arrivata nella speciale successiva, guadagnando nel confronti del team-mate Neuville e del transalpino della Toyota. Tuttavia nella PS15, altri 6″9 persi da un Ogier particolarmente in palla. Tuttavia, con le unghie e coi denti, il bersaglio è stato centrato. Di sicuro, non può essere contento il sei volte iridato, che non ha ottenuto quei punti che avrebbe desiderato nella ricorsa iridata, tenuto conto del quarto posto del leader del Mondiale Elfyn Evans (Totyota), quarto a 1:02.3. Quest’ultimo conserva 14 punti di vantaggio sul transalpino, mentre Neuville è salito al terzo posto a quota 87 punti, mentre Tanak è a 83.

Un rally sardo che ha visto completare la top-10 il finnico Teemu Suninen (+1:33.9) con la Ford Fiesta, la Hyundai del citato Tanak (+2:27.5), l’altra Hyundai del francese Loubert (+4:43.8), il finlandese Jari Huttunen sempre su Hyundai (+8:41.7), il polacco Kajetanowicz sulla Skoda Fabia (+10:02.9) e l’altra Skoda dello svedese Pontus Tidemand. (+10:20.9).

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LPS

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Parigi-Tours 2020: Casper Pedersen batte in una volata a due Benoit Cosnefroy

Tennis, ATP Sardegna 2020: Andrea Pellegrino si qualifica per il tabellone principale, sconfitto Arnaboldi