NASCAR Truck Series, Grant Enfinger vince ed accede alla finale di Phoenix

Grant Enfinger si impone a Martinsville e strappa l’ultimo pass disponibile per la finale dei Playoffs della NASCAR Truck Series. Il #98 ThorSport Racing ha vinto per la prima volta a Martinsville (Virginia), la quarta in questo 2020, la sesta in carriera.

Dopo le due Stage, vinte rispettivamente da Sheldon Creed #2 e Stewart Friesen #52, la competizione entra nel vivo nel finale. Grant Enfinger, obbligato a vincere per accedere alla finale di Miami, ha cercato in tutti i modi di conquistare il primo posto. A meno di 15 giri dalla fine, Raphael Lessard #4 (Kyle Busch Motorsport) si trovava al comando della prova dopo una bellissima lotta con Brett Moffitt #23 (già presente in finale dopo aver vinto in Kansas).

Dopo una serie di contatti ed il testacoda del #4 del gruppo, spinto da Ben Rhodes #99, la corsa si è decisa negli ultimi due giri. Il #99 del ThorSport Racing ha cercato in tutti i modi di impensierire il Grant Enfinger che negli ultimi passaggi non ha mai perso la prima piazza.

Il vincitore dell’opening round di Daytona ha tagliato per primo il traguardo e si è accaparrato un pass certo per il ‘Championship 4’ di settimana prossima. Secondo posto per Rhodes (eliminato) davanti a Zane Smith #21, unico protagonista ad accedere alla finale senza aver vinto nel ‘Round of 8’. I già citati Creed e Moffitt si contenderanno con Smith ed Enfinger il titolo della NASCAR Truck Series. Appuntamento tra sette giorni a Phoenix per l’ultima competizione dell’anno.

CLASSIFICA NASCAR TRUCK SERIES A MARTINSVILLE

  1. Grant Enfinger (Ford)
  2. Ben Rhodes (Ford)
  3. Brett Moffitt (Chevrolet)
  4. Christian Eckes (Toyota)
  5. Matt Crafton (Ford)

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SULLA NASCAR

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, quando torna in campo Jannik Sinner. Speranze concrete per Sofia

Ciclismo, come sta Domenico Pozzovivo: “Ho rischiato la cancrena, ma non resterò disoccupato”