Giro d’Italia, oggi la tappa numero 2000! La Corsa Rosa festeggia un traguardo storico: da quella notte del 1909…

Il Giro d’Italia festeggia un traguardo storico nella giornata odierna. Oggi (martedì 20 ottobre) si corre infatti la tappa numero 2000 della Corsa Rosa. Un’epopea incominciata il 13 maggio 1909 da Piazzale Loreto a Milano, dove i 127 corridori iscritti si erano riuniti nel cuore della notte (partenza alle ore 02.53!) per dirigersi verso Bologna, dove sarebbero poi giunti ben 14 ore dopo. Da quei folli 397 km tra il capoluogo lombardo e quello emiliano (si impose Dario Beni) alla frazione odierna, la Udine-San Daniele del Friuli che propone la triplice scalata del Monte di Ragogna in apertura della terza settimana.

Il Giro d’Italia, giunto alla 103^ edizione e interrotto soltanto in concomitanza delle due guerre mondiali, non è soltanto una manifestazione sportiva, ma un vero e proprio evento di costume, cultura, tradizione che fa parte della vita del nostro Paese e che rinnova la sua magia di anno in anno. Il tormentato 2020 lo ha spostato dalla sua tradizionale collocazione di maggio al mese di ottobre, ma l’emozione è sempre la stessa e l’amore del pubblico nei confronti della Corsa Rosa è smodato, anche in questo momento difficile.

Delle prime 1999 tappe, 42 sono state vinte da Mario Cipollini (record assoluto). Alle spalle del Re Leone si piazzano altre tre italiani ovvero Alfredo Binda (41), Learco Guerra (31), Costante Girardengo (30). Il belga Eddy Merckx è soltanto quinto nella speciale classifica (25 sigilli per il Cannibale), il duello tra Saronni e Moser è vinto da Beppe di un’incollatura (24 a 23), Fausto Coppi è ottavo con 22 affermazioni, Gino Bartali ha invece alzato le braccia al cielo in 17 occasioni. Stamattina la ripartenza dopo il giorno di riposo con il portoghese Joao Almeida in maglia rosa, il quale ha 15” di vantaggio sull’olandese Wilco Kelderman. Vincenzo Nibali è settimo a 3’29”, Domenico Pozzovivo ottavo a 3’50”.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pattinaggio artistico: Lorenzo Magri è il nuovo allenatore di Matteo Rizzo

Tennis: nessuna lesione al gomito per Lorenzo Musetti, rientro previsto tra due settimane a Parma