Giro d’Italia 2020: Portogallo super a Roccaraso con la vittoria di Guerreiro e la Maglia Rosa di Almeida. Nibali perde qualche secondo

Doveva essere battaglia, in vista del primo giorno di riposo, invece lo scontro tra i più forti scalatori è stato rimandato. Va a chiudersi la prima parte del Giro d’Italia 2020 con la nona tappa da San Salvo a Roccaraso, di 208 chilometri: ad imporsi dopo una lunga fuga da lontano è il portoghese Ruben Guerreiro. Portogallo che può gioire alla grande con anche Joao Almeida, sempre leader della classifica generale. 

Prima ora di gara, nonostante la pioggia, percorsa a velocità folli: oltre 50 km/h. Il gruppo non ha lasciato andar via nessun attaccante. La fuga è riuscita a fuoriuscire di forza in salita: prima quattro uomini, Ruben Guerreiro (EF Pro Cycling), Eduardo Sepulveda (Movistar), Ben O’Connor (NTT Pro Cycling) e Jonathan Castroviejo (Ineos Grenadiers), ai quali si sono andati ad aggiungere Larry Warbasse (AG2R La Mondiale), Giovanni Visconti (Vini Zabù-Brado-KTM) e Kilian Frankiny (Groupama-FDJ). In seconda battuta, sul Passo Lanciano, è riuscito a rientrare anche il danese Mikel Bjerg (UAE Emirates). Il gruppo si è rialzato ed ha definitivamente lasciato andare gli attaccanti.

Sul Passo San Leonardo si è infiammata la corsa. Davanti Visconti, dopo aver speso tante energie nella battaglia per la classifica dei GPM, ha perso contatto. Gli attaccanti sono rimasti in cinque: Guerreiro, Warbasse, Frankiny, Bjerg e Castroviejo. Dietro invece la Trek-Segafredo di Vincenzo Nibali ha iniziato ad allungare, sfoltendo un po’ il plotone principale.

Il tutto si è andato a decidere ovviamente sulla salita finale di Roccaraso. Caostroviejo ha lanciato il suo attacco seguito da Guerreiro. Gli unici a provarci nel plotone sono stati Lucas Hamilton (Mitchelton-Scott) e Tao Geoghegan Hart (INEOS Grenadiers), mentre i big si sono solamente controllati. La coppia al comando si è giocata il successo nella volata ristretta, vinta da Guerreiro su Castroviejo, mentre terzo è giunto Bjerg.

Lo scontro diretto tra i big c’è stato solo nell’ultimo chilometro: Wilco Kelderman (Sunweb) e Jakob Fuglsang (Astana) sono stati i migliori, riuscendo a guadagnare qualcosina su tutti. In difficoltà Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo), staccato di 14” dai rivali, non perfetto il finale neanche della Maglia Rosa Joao Almeida (Deceuninck Quick-Step).

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Lewis Hamilton: “Sono al settimo cielo per questa vittoria, un onore aver eguagliato Schumacher”

Ordine d’arrivo Giro d’Italia 2020, risultato di oggi: Guerreiro beffa nel finale Castroviejo. Nibali 16° a 14” dagli altri big