Giro d’Italia 2020: il triste bollettino medico di Luca Wackermann. Trauma cranico, diverse ferite e frattura alle ossa nasali

Una caduta improvvisa, della quale ancora non si hanno certezze. Purtroppo lo sfortunato protagonista è stato Luca Wackermann, al quale auguriamo una pronta guarigione. L’azzurro della Vini Zabù Brado KTM ha centrato in pieno, assieme al compagno di squadra Etienne Van Empel, al termine della quarta tappa del Giro d’Italia 2020, delle transenne nel tratto finale di gara finendo a terra in modo brutale. A differenza dell’olandese, il nativo di Rho non è riuscito a rialzarsi ed è stato portato prontamente in ospedale: scontato dire che sarà costretto ad abbandonare la Corsa Rosa. 

Di seguito il bollettino medico riportato da Tuttobiciweb: “Trauma cranico commotivo, frattura ossa nasali, ferita lacerocontusa sopracciglio sinistro, regione mentoniera, ferita lacera ginocchio dx., contusioni escoriate multiple al volto in particolare allo zigomo sin. e buccale, contusione lombosacrale, escoriazioni multiple arti superiori e inferiori”.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2020 Luca Wackermann

ultimo aggiornamento: 06-10-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio a 5, Serie A 2020-2021: le favorite. Italservice Pesaro e Acqua&Sapone Unigross vogliono confermarsi

Giro d’Italia 2020, Davide Cassani dopo le tante cadute: “Modifichiamo i portaboracce”