Giro d’Italia 2020, è arrivata la neve! Stelvio, Piancavallo e Colle dell’Agnello a forte rischio: il percorso sará stravolto?

Il maltempo ha fatto decisamente capolino in Italia nel corso di questo weekend di inizio autunno. Pioggia e neve si sono concretamente abbattute sulla nostra Penisola, in particolar modo al Nord. Una condizione meteo sostanzialmente in linea con la stagione, l’abbassamento delle temperature e le perturbazioni sono un fenomeno assolutamente normale nel mese di ottobre e siamo ormai entrati con entrambi i piedi nella brutta stagione. Gli appassionati di ciclismo speravano che il sole e un tiepido calore ci tenessero compagnia ancora per qualche giorno, ma purtroppo non è stato così e il Giro d’Italia deve fare i conti con questa situazione molto critica. Lo spostamento forzato della Corsa Rosa, tradizionalmente in programma a maggio ma rinviata a causa dell’emergenza sanitaria, ha rimescolato le carte in tavole e ora la kermesse rischia di essere stravolta dal maltempo.

La neve ha già fatto capolino su Stelvio, Piancavallo e Colle dell’Agnello, ovvero le salite simbolo che dovrebbero animare la seconda parte della competizione. I fiocchi bianchi potrebbero impedire ai ciclisti di affrontare queste ascese. Piancavallo è la sede di arrivo della tappa di domenica 18 ottobre: una salita di 14,5 m al 7,8% di pendenza media, estremamente dura e impegnativa dove si può davvero fare la differenza. Lo Stelvio è la Cima Coppi con i suoi 2758 metri d’altitudine, verrà affrontato durante la 18ma tappa (giovedì 22 ottobre): vetta posta a 37 km dal traguardo, fissato in salita ai Laghi di Cancano. Il Colle dell’Agnello con i suoi 2744 metri s.l.m. è una delle salite della durissima penultima tappa (sabato 24 ottobre), che prevede anche Izoard e Montgenevre, prima dell’arrivo in quota al Sestriere.

Queste tre tappe potrebbero essere rivoluzionate se davvero il maltempo continuerà a imperversare e la neve la facesse da padrona. Gli organizzatori stanno già pensando ai piani B e C, al momento non ancora pubblicamente svelati (si era parlato di Mortirolo e Colle delle Finestre, ma nulla di ufficiale). Si dovrà cercare di rimanere più bassi in quota e andranno trovate salite alternative non funestate dalla neve, anche se uno stravolgimento del percorso semplificherà il Giro d’Italia e lo renderà decisamente meno selettivo, rimescolando ancora una volta tutte le carte in tavola.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2020

ultimo aggiornamento: 11-10-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Giro d’Italia 2020: Vincenzo Nibali, giornata storta o condizione non ottimale? I dubbi dello Squalo

Vela, Europei Laser 2020: Spadoni risale al 6° posto nella Gold Fleet. Tra le donne male Zennaro, positiva la prova di Floridia