Giro d’Italia 2020: Diego Ulissi, otto vittorie di tappa nella Corsa Rosa. Ora manca una grande classica come ciliegina alla carriera



Ottavo sigillo al Giro d’Italia, e bis in questa edizione 2020, per il toscano Diego Ulissi, garanzia assoluta alla Corsa Rosa, che cerca di onorare sempre e comunque in ogni sua partecipazione. Nei suoi undici anni di carriera, il portacolori della UAE Team Emirates, con cui è cresciuto sin dai tempi della Lampre di Giuseppe Saronni, è riuscito ad andare a segno la prima volta a Tirano nel 2011, due volte nel 2014 tra Viggiano e Monteciopolo, 2015 a Fiuggi, e nel 2016 a Praia a Mare e Asolo.

Dopo quattro anni di digiuno, è tornato ad alzare le braccia al cielo prima ad Agrigento, e oggi a Monselice; sempre e comunque rispettando i pronostici del giorno, rispondendo presente nelle SUE tappe, non deludendo mai le aspettative. Diego è semplicemente una garanzia per tutti: la sua squadra che non lo ha mai abbandonato e che lui non ha mai deluso, e ogni corsa a cui prende parte, che cerca di onorare sempre al meglio. Riesce a reggere il ritmo di una breve gara a tappe, puntare alla classifica come ha fatto al recente Giro del Lussemburgo da lui vinto, ma non è mai arrivato l’exploit nei grandi giri.

Loading...
Loading...

Diego, con le sue vittorie di tappa, da finisseur, da attaccante nato, è un uomo da classiche. Quelle classiche che lui ama, ma dove non è mai riuscito a trovare il risultato completo, meritato, sperato; sempre lì, ad un passo dal trionfo, dal suggellare una carriera stellare. Anche se Diego ha davanti a sé ancora tanto tempo per potersi rifare. Una classica sarebbe la ciliegina sulla torta per un ragazzo come lui, con un talento e un fare unico nel suo genere.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

Twitter: @lisa_guadagnini

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top