Giro d’Italia 2020: Arnaud Démare beffa al fotofinish Sagan e Ballerini. Sette italiani nella top 10

Altra giornata intensissima e con non poche sorprese. Arriva però la prima volata in questo Giro d’Italia 2020: ad imporsi nello sprint della quarta tappa, partita da Catania e giunta dopo 140 chilometri a Villafranca Tirrena, è il campione francese Arnaud Démare. Secondo successo in carriera nella Corsa Rosa per l’uomo della FDJ che ha beffato Sagan e Ballerini al fotofinish. Resta in Maglia Rosa senza problemi Joao Almeida. 

Anche oggi la fuga di giornata è andata via al primo tentativo. Tre uomini all’attacco: Simon Pellaud (Androni Giocattoli Sidermec), Kamil Gradek (CCC Team) e Marco Frapporti (Vini Zabù Brado – KTM). Il trio ha proseguito nella prima fase di gara di comune accordo, guadagnando qualche minuto sul gruppo, gestito dalle squadre dei velocisti.

La situazione è cambiata sul GPM di terza categoria di Portella Mandrazzi: una salita lunga e non molto dura. Davanti si è lanciato in solitaria Pellaud, mentre nel plotone si è messa a tirare a tutta la Bora-hansgrohe, riuscendo nell’obiettivo di staccare velocisti puri del calibro di Gaviria, Viviani e Hodeg. Da segnalare nebbia e pioggia nella discesa successiva, con la Trek-Segafredo a dettare il ritmo per non far rischiar nulla al capitano Vincenzo Nibali.

A circa 20 chilometri dall’arrivo è andata in scena la sfida tra i primi due uomini della classifica generale per i secondi di abbuono: Jonathan Caicedo (EF) ha provato a lanciare l’attacco a Joao Almeida (Deceuninck Quick-Step), che ha vinto la battaglia senza problemi, guadagnando ancora margine in chiave Maglia Rosa. Successivamente è stata la FDJ a prendere in mano la situazione, andando a raggiungere anche l’ultimo fuggitivo, Pellaud. Da segnalare proprio sul finale il rientro in gruppo di Elia Viviani.

Velocità altissime verso la volata, con la FDJ a pilotare al meglio Arnaud Démare: il campione transalpino è stato anticipato da Peter Sagan (Bora-hansgrohe), ma lungo le transenne è riuscito comunque ad imporsi per millimetri. Sulla stessa linea dei due anche l’azzurro Davide Ballerini (Deceuninck Quick-Step), terzo al fotofinish. A completare la top-5 Andrea Vendrame (AG2R) ed Elia Viviani (Cofidis). Tantissima Italia comunque: sesto Stefano Oldani (Lotto Soudal), settimo Davide Cimolai (Israel Cycling Academy), nono Filippo Fiorelli (Bardiani-CSF-Faizanè) e decimo Enrico Battaglin (Bahrain-McLaren).

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio: Mattia Caldara fermo tre mesi per lesione al tendine rotuleo sinistro

Ordine d’arrivo Giro d’Italia 2020, risultato di oggi: Demare vince di un soffio in volata su Sagan e Ballerini