Ciclismo, Ranking UCI: l’Italia resta quarta. Ulissi 8°, Nibali 26°, rimontone di Ganna. Pogacar nuovo numero 1, ma Roglic…

L’Italia resta al quarto posto nel Ranking per Nazioni, la classifica stilata settimanalmente dall’Unione Ciclistica Internazionale. Gli azzurri restano giù dal podio dopo aver perso una posizione la scorsa settimana. Al comando si conferma la Slovenia, grazie soprattutto alla doppietta firmata da Tadej Pogacar e Primoz Roglic al Tour de France. La nostra Nazionale è attardata di quasi 1200 punti dal Belgio, mentre la Francia occupa il secondo posto e si è portata ad appena 153 punti di distacco dalla compagine balcanica.

Al termine del Giro d’Italia ci sono grossi scossoni nella classifica individuale. Lo sloveno Tadej Pogacar, vincitore del Tour de France, è balzato al comando superando il connazionale Primoz Roglic, il quale è impegnato alla Vuelta di Spagna e non ha potuto difendere il terzo posto conquistato lo scorso anno nella Corsa Rosa. L’alfiere della UAE Emirates precede l’uomo della Jumbo-Visma di appena 25 punti: ai fini dell’assegnazione del numero 1 al termine della stagione sarà decisivo l’esito della corsa a tappe in terra iberica. Terzo posto per il belga Wout van Aert, vincitore della Milano-Sanremo che precede il danese Jakob Fuglsang (primo al Giro di Lombardia e sesto al Giro d’Italia), ora quarto dopo aver scavalcato l’olandese Mathieu van der Poel (trionfatore al Giro delle Fiandre). Il migliore italiano ora è Diego Ulissi che, grazie alle due vittorie di tappa al Giro d’Italia, è balzato in ottava posizione alle spalle del francese Julian Alaphilippe (Campione del Mondo) e dell’australiano Richie Porte.

Entrano in top-10 anche l’olandese Wilco Kelderman (28 posizioni recuperate grazie al terzo posto nella Corsa Rosa) e il francese Arnaud Demare (ha vinto quattro tappe e la maglia ciclamino). Il britannico Tao Geoghegan Hart, capace di alzare al cielo il Trofeo Senza Fine due giorni fa, si è reso protagonista di un incredibile balzo in avanti di 146 posizioni e ora è 15mo. Scivola indietro Vincenzo Nibali, il quale perde 16 piazze dopo il settimo posto al Giro d’Italia (l’anno scorso fu secondo) e ora è 26mo, subito alle spalle di Giacomo Nizzolo (Campione d’Europa). Filippo Ganna, con i quattro sigilli di tappa (tre cronometro), è splendido 28mo (il Campione del Mondo a cronometro ha recuperato 29 posizioni). Di seguito i ranking UCI aggiornati al 27 ottobre.

RANKING UCI (aggiornati al 27 ottobre 2020):

RANKING UCI PER NAZIONI (TOP-10):

1. Slovenia 9.479
2. Francia 9.326,83
3. Belgio 8.560
4. Italia 7.375
5. Paesi Bassi 6.581,5
6. Australia 6.496
7. Colombia 6.180,49
8. Danimarca 5.598
9. Spagna 5.407,5
10. Germania 4.978

RANKING UCI INDIVIDUALE (TOP-10):

1. Tadej Pogacar (Slovenia) 3970
2. Primoz Roglic (Slovenia) 3945
3. Wout van Aert (Belgio) 2700
4. Jakob Fuglsang (Danimarca) 2157,5
5. Mathieu van der Poel (Paesi Bassi) 2040
6. Julian Alaphilippe (Francia) 1795,83
7. Richie Porte (Australia) 1733
8. Diego Ulissi (Italia) 1671
9. Wilco Kelderman (Paesi Bassi) 1594,5
10. Arnaud Demare (Francia) 1550

RANKING UCI ITALIANI (TOP-250):

8. Diego Ulissi 1671
25. Giacomo nizzolo 1115
26. Vincenzo Nibali 1114
28. Filippo Ganna 1068
55. Matteo Trentin 651
57. Alberto Bettiol 649
65. Giulio Ciccone 575
70. Andrea Vendrame 532
76. Andrea Pasqualon 500
79. Fausto Masnada 483
88. Davide Ballerini 548
91. Damiano Caruso 448
92. Davide Formolo 438,5
109. Sonny Colbrelli 400
119. Andrea Bagioli 349,33
126. Jacopo Mosca 325
137. Diego Rosa 288
151. Lorenzo Rota 266
160. Matteo Moschetti 255
162. Elia Viviani 254
166. Danilo Celano 248
167. Niccolò Bonifazio 242
174. Alessandro Fedeli 224
186. Gianluca Brambilla 207
192. Fabio Felline 197
198. Alessandro De Marchi 195
202. Alessandro Covi 192
206. Luca Mozzato 186
219. Nicola Conci 174
225. Domenico Pozzovivo 170
227. Giovanni Visconti 168
234. Kristian Sbaragli 163

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket: Virtus Roma, nuovi segnali d’America

Judo: Budapest sarà la prossima sede dei Mondiali a giugno del 2021. In palio punti fondamentali per la qualificazione olimpica