Tour de France 2020, Tadej Pogacar: “È un sogno, qualcosa di incredibile. Sono orgoglioso del team, è merito di tutti”


Tadej Pogacar è incredulo quello che si presenta ai microfoni dopo la cronometro da Lure a La Planche des Belles Filles, valida come ventesima tappa del Tour de France 2020. Il giovanissimo sloveno della UAE Emirates è, di fatto, il vincitore della 107ma edizione della Grande Boucle: si è aggiudicato la frazione odierna con il tempo di 55’55”, guadagnando 1’56” sul connazionale Primoz Roglic e conquistando, di conseguenza, la maglia gialla quando alla fine manca solamente la passerella di Parigi.

Pogacar, dopo aver ricevuto l’abbraccio di Roglic, non trattiene l’emozione: Sto sognando. Non so cosa dire, è qualcosa di incredibile. Sono davvero orgoglioso del team, è stato un bellissimo sforzo collettivo e ho preso la maglia gialla proprio all’ultimo giorno. E’ un sogno, l’ho sempre sognato dall’inizio di questo Tour. Non è solo merito mio, ma di tutta la squadra: abbiamo fatto insieme la ricognizione, sapevo dove potevo accelerare e loro mi hanno dato tutto il supporto per fare questa cronometro nel miglior modo possibile”. In merito ai concitati attimi finali: “Sentivo riferimenti dalla radio in pianura ma non in salita, perché le urla dei tifosi erano troppo forti. Il mio sogno era semplicemente venire al Tour de France, vincerlo è qualcosa che va oltre.

Loading...
Loading...

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

antonio.lucia@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top