Tour de France 2020: il borsino della tappa di oggi (17 settembre). Le stellette dei favoriti: fuga o lotta tra gli uomini di classifica?

E’ giunto il giorno della diciottesima e ultima tappa di montagna di questo Tour de France 2020: la Méribel > La Roche-sur-Foron di 168 chilometri. Il percorso presenta ben cinque gran premi della montagna, di cui il più duro è l’ultimo, ovvero il Montée du Plateau de Glières (6 chilometri all’11,2%). C’è un problema, però, dallo scollinamento al traguardo, infatti, mancheranno ben trenta chilometri.

A seconda di come la interpreteranno le squadre dei più forti, in questa tappa potrà succedere tutto o nulla. Se qualche uomo di classifica, come ad esempio il vincitore di ieri Miguel Angel Lopez, avesse voglia di portare un attacco deciso sull’erta conclusiva, allora per il successo parziale entreranno in gioco i big. Lo stesso Superman è da considerarsi uno dei primi favoriti, anche se un’erta di sei chilometri sicuramente è meno adatta a lui rispetto al Col de la Loze, su cui ha trionfato un giorno fa, il quale misura oltre venti chilometri.

Con Lopez, in prima fila, non possono mancare i due sloveni Primoz Roglic, attuale maglia gialla, e Tadej Pogacar. I due sono anche i più veloci tra gli uomini di classifica e hanno ottime chance di spuntarla nel caso di arrivo di un gruppetto. Se, tuttavia, tra i favoriti regnasse l’attendismo e la Jumbo-Visma addormentasse la gara, allora potrebbe andare via una fuga con all’interno ottimi corridori capaci di resistere a un eventuale ritorno dei più forti.

I FAVORITI DELLA DICIOTTESIMA TAPPA DEL TOUR DE FRANCE 2020

*** Miguel Angel Lopez, Primoz Roglic, Tadej Pogacar
** Richard Carapaz, Richie Porte, Sepp Kuss,
* Mikel Landa, Rigoberto Uran, Adam Yates, Enric Mas, Tom Dumoulin, Pavel Sivakov, Emanuel Buchmann, Julian Alaphilippe, Maximilian Schachmann, Bob Jungel, Valentin Madouas, Sebastian Reichenbach, Damiano Caruso, Daniel Martinez, Pello Bilbao, Nairo Quintana, Alejandro Valverde, Marc Soler, Guillaume Martin, Jesus Herrada, Alexey Lutsenko, Marc Hirschi, Tiesj Benoot, Pierre Rolland, Daniel Martin

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, Jannik Sinner esalta Lorenzo Musetti: “Bravissimo, come colpi è più forte di me”

Internazionali d’Italia 2020: l’esordio di Fabio Fognini, Sonego sfida Ruud e Musetti tenta una nuova impresa contro Nishikori