Tirreno-Adriatico 2020: Simon Yates sbaraglia la concorrenza, tappa e maglia a Sassotetto. Settimo Masnada

Spettacolare il tappone di montagna della Tirreno-Adriatico 2020. Nella quinta frazione della Corsa dei due Mari, di 202 chilometri da Norcia fino in vetta a Sassotetto, c’è stata la battaglia diretta tra i big. Ad imporsi è un super Simon Yates (Mitchelton-SCOTT) che fa la differenza, stacca tutti i rivali e va a prendersi la Maglia Azzurra di leader, che potrebbe portare fino a San Benedetto del Tronto.

Fuga che è andata via di forza nelle prime fasi di gara, con tanti corridori che sono andati a riagguantare gli attaccanti della prima ora in un secondo momento. Si è formato un drappello di dieci uomini: Mathias Frank (AG2R La Mondiale), Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix), Jhonatan Restrepo (Androni Giocattoli-Sidermec), Marco Canola (Gazprom Rusvelo), Carl Hagen (Lotto Soudal), Hector Carretero (Movistar Team), Amanuel Ghebreigzabhier (NTT Pro Cycling), Julien Bernard (Trek-Segafredo), Giovanni Visconti e Edoardo Zardini (Vini Zabù KTM). Il plotone ha tenuto d’occhio i fuggitivi, lasciandoli a 4′ di ritardo.

Attaccanti che hanno perso alcune unità con il passare dei chilometri, ma il gruppo non ha lasciato spazio, andandoli a riprendere proprio nell’approccio della salita finale di Sassotetto. Il primo a muoversi nel plotone è stato il portoghese Rui Costa (UAE Emirates), raggiunto da Luca Wackermann (Vini Zabù KTM). A dettare il ritmo nel plotone dei migliori sono state EF e Astana.

A 7 chilometri dall’arrivo il tentativo di Vincenzo Nibali: un test per il capitano della Trek-Segafredo, raggiunto poco dopo dal plotone. Successivamente è stata la volta di Jakob Fuglsang (Astana), ma con l’EF sempre in controllo. A 5 km dall’arrivo è stata la volta dell’attacco di Simon Yates (Mitchelton-SCOTT): dopo il britannico ci ha provato un sempre coriaceo Fausto Masnada (Deceuninck Quick-Step), che in un secondo momento si è dovuto arrendere. Dal gruppo Rafal Majka (Bora-hansgrohe), Geraint Thomas (INEOS Grenadiers) e Aleksandr Vlasov (Astana) sono andati a riprendere Masnada, mentre la Maglia Azzurra Michael Woods (EF) è andata in crisi.

Tutto facile per Yates che è giunto a braccia alzate con di vantaggio sulla coppia formata da Thomas e Majka e regolata dal gallese a 35” di ritardo. Quarto Vlasov a 39”, mentre Masnada va in difficoltà e chiude settimo a 1′.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Moto2, risultati FP2 GP San Marino 2020: Enea Bastianini è il più rapido sul giro secco, grande Italia con cinque piloti nei primi sette

Giro Rosa 2020: la Trek-Segafredo domina la crono a squadre. Elisa Longo Borghini prima maglia rosa